“In questi giorni chi ha messo a punto” vaccini contro il Covid-19 “e quanti hanno fatto gli studi li renderanno disponibili alle agenzie regolatorie con i dossier sulla sicurezza e l’efficacia all’Ema e poi all’Aifa. Quando avremo questi dossier e i dati pubblicati potremmo esprimerci con completezza su ogni singolo vaccino. I dati lanciati mediaticamente sono assolutamente promettenti ma dal punto di vista tecnico-scientifico quello che dobbiamo capire è che man mano che i dati vengono resi disponibili alle agenzie regolatorie diventano patrimonio della comunità scientifica quindi questo è un processo in corso e bisogna ragionare su questo tipo di dati”. Lo ha sottolineato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), durante la conferenza stampa al ministero della Salute per il punto sull’attuale situazione epidemiologica.

“Tutti i Paesi e molteplici ricercatori, anche moltissime aziende che si occupano di vaccini, hanno fatto uno sforzo straordinario in tempi molto brevi per mettere a punto i vaccini. Il fatto che sono brevi rispetto alla storia a cui siamo abituati non vuole dire che vengono derogate procedure di sicurezza o valutazioni di efficacia – ha avvertito Brusaferro – vuol dire che c’è uno sforzo straordinario con investimenti straordinari. Quindi non parliamo di deroghe ai meccanismi della valutazione di sicurezza e di efficacia ma di tempi e di campioni di popolazione esposta più contenuti”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Rezza: “Reinfezione? Fenomeno esiste ma sembra molto raro. Per ora solo casi sporadici”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ecco il piano vaccini di Speranza: “Useremo fiere e palestre, coinvolto l’esercito. Le prime dosi di Pfizer entro il 26 gennaio”

next