Dopo otto mesi di fidanzamento, con tanto di appuntamenti e serate insieme, il bodybuilder kazako Yuri Tolochko è convolato a nozze con la sua amata Margo. Beh, che c’è di strano, direte voi? C’è che la sposa in questione è una bambola gonfiabile di plastica. Proprio così. La loro storia d’amore ha fatto il giro del mondo e sui social Tolochko condivide le foto che li ritraggono insieme, tra cui quella di lei in abito bianco e lui in smoking, mentre si scambiano gli anelli nuziali.

“Le coppie hanno bisogno di parlare di meno e di connettersi di più. Con il tempo e l’esperienza, Margo e io ci siamo resi conto che ci vuole più delle parole per avere una conversazione. Il tuo partner merita sicuramente il meglio, ma deve fare la sua parte”, ha raccontato il bodybuilder al Daily Star spiegando di aver incontrato Margo in una discoteca. L’amore è scoccato dopo che l’ha salvata da alcune “attenzioni indesiderate”. Lui si definisce un “maniaco del sesso” e, per questo, ha dichiarato che Margo è la “donna” perfetta per lui.

Tolochko ha detto anche di essere pansessuale e che “la nostra storia mi eccita molto più del sesso stesso”. Ha aggiunto che gli piace anche il BDSM: schiavitù e disciplina, dominio e sottomissione, sadismo e masochismo: “Adoro essere torturato, posso sopportare molto dolore. Anch’io amo dominare. Margo è capace di ciò di cui le altre persone non sono capaci”, ha confidato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Arecibo, è collassato l’iconico radiotelescopio usato per parlare con gli alieni: ma potrebbe ancora darci segnali dallo Spazio – Video

next