Mentre il governo italiano è al lavoro per limare il cosiddetto “Dpcm di Natale”, dal Regno Unito arriva la notizia che anche la Famiglia Reale quest’anno sarà costretta a infrangere le sue tradizioni quasi secolari a causa dell’emergenza Coronavirus. Secondo quanto scrive il Telegraph, la regina Elisabetta non si trasferirà come al solito nel castello di Sandringham, per trascorrere le festività natalizie con tutta la famiglia ma resterà invece a Windsorm, dove già è in isolamento assieme al principe Filippo.

La conferma ufficiale ancora non è arrivata ma secondo il prestigioso quotidiano britannico la Sovrana avrebbe deciso di dare il buon esempio rispettando le norme vigenti in tutta la Nazione, tanto da decidere di escludere dal cenone di Natale anche il principe William con la moglie Kate Middleton e i principini per questioni di sicurezza.

La stampa inglese riporta fonti interne alla Corte, secondo cui c’è il forte sospetto che il Duca e la Duchessa di Cambridge, con annessi figli, non rientrino nella “bolla natalizia” della Regina, perché i tre nipotini potrebbero mettere a rischio i due anziani nonni (Elisabetta II ha 94 anni, il principe Filippo ben 99). Alla tavola della Regina saranno ammessi al massimo solo altri due commensali, accuratamente selezionati: la scelta potrebbe ricadere sul principe Carlo e Camilla. Non resta che attendere le decisioni ufficiali della Corona.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Su Amazon è in vendita un libro “particolare” su Matteo Salvini: 110 pagine completamente bianche

next
Articolo Successivo

“Rihanna e A$AP Rocky hanno una relazione”

next