Nuovo capitolo del caso mediatico che ha coinvolto il presidente dell’Antimafia Nicola Morra, la cui partecipazione al programma Rai Titolo quinto era stata cancellata dopo le sue esternazioni sulla presidente della Regione Jole Santelli morta di cancro il 15 ottobre e sulle “responsabilità” dei cittadini che l’avevano votata. Domenica l’esponente M5s è stato ospite di Lucia Annunziata a Mezz’ora in più. E la giornalista ha letto una breve lettera “di cinque righe”, come ha detto lei stessa, di scuse della tv pubblica “per le modalità con cui era stata rinviata” la sua partecipazione alla trasmissione “per errori dovuti alla concitazione di quelle ore”. Nel pomeriggio però ambienti vicini alla presidenza Rai hanno fatto sapere che “la posizione condivisa dai vertici dell’azienda resta quella espressa in un comunicato della settimana scorsa” e non erano previste né sono state concordate altre prese di posizione. Di conseguenza, la lettera “rappresenta un’iniziativa ulteriore attribuibile alla direzione aziendale”, quindi, si suppone, all’ad Fabrizio Salini.

Durante Mezz’ora in più, Morra ha ribadito il concetto espresso dieci giorni fa dopo l’arresto del presidente del Consiglio regionale calabrese Domenico Tallini: “Su Jole Santelli ho detto che le sue condizioni di salute si conoscevano perfettamente e se la Calabria, in piena pandemia, si trova con un presidente facente funzioni e un presidente del Consiglio regionale arrestato, il popolo calabrese non deve stupirsi e lamentarsi, perché non imprevedibile che accadesse“. E ancora: “Io ho fatto capire anche in Aula e il centrodestra mi ha ascoltato con parole forse infelici per tanti, e di cui eventualmente mi posso scusare se hanno avvertito la sofferenza, che un popolo deve assumersi la responsabilità delle scelte che fa. Nel momento in cui in Calabria le cose non vanno bene bisogna richiamare tutti ad assumersi le loro responsabilità, io non sono mai stato tenero neppure col governo”.

Parole che fanno ripartire le polemiche del centrodestra. “La Rai si scusa…?!? Roba da matti. Morra indegno, chieda perdono ai malati di cancro, ai calabresi e agli italiani, e poi si dimetta”, scrive in un post il leader della Lega, Matteo Salvini, che lo definisce “poverino” e “incommentabile” e annuncia: “Ho dato istruzioni a tutti i leghisti che ne fanno parte di non partecipare alle sedute della commissione Antimafia finché sarà presieduta da questo idiota”. Anche da Forza Italia arriva la richiesta di dimissioni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brunetta ora bacia il suolo dove passa Di Maio: “E’ un vero leader, è intelligente e preparato”. Prima era “spudorato, ignorante e truffatore”

next
Articolo Successivo

La Procura di Roma apre un fascicolo sull’uso della scorta di Conte da parte della compagna inseguita da un inviato delle Iene

next