Come sempre avviene durante il weekend, i casi di coronavirus nel nostro Paese sono in calo: nelle ultime 24 ore sono stati accertati 20.648 contagi, 6mila in meno rispetto a ieri. Allo stesso tempo diminuiscono i tamponi: ne sono stati effettuati 176.934 (ieri erano 225mila). La proporzione resta quindi stabile, come conferma l’incidenza dell’infezione: il rapporto tra numero quotidiano dei contagi e test effettuati è invariato all’11,6%. Se invece si considerano solo i nuovi casi testati (80.132), escludendo quindi i tamponi di controllo, il tasso risale leggermente al 25,76%. Restano alti i morti: nel giro di un giorno sono decedute 541 persone a causa del Covid. Ma si confermano i segnali positivi che arrivano dagli ospedali, con i ricoveri in calo per il sesto giorno di fila: rispetto a ieri sono stati liberati 420 posti letto in area medica e 9 nelle terapie intensive.

Guardando alla situazione nelle Regioni, è sempre la Lombardia a segnare il maggior incremento. Anche se per la prima volta da diverse settimane scende sotto quota 4mila (+3.203). 135 i morti. Seguono il Veneto, con 2.617 nuovi casi, e Piemonte e Campania, entrambe a circa 2mila contagi quotidiani. +1.850 in Emilia Romagna. Il Lazio è poco distante (+1.993), ma ha effettuato praticamente il doppio dei test rispetto all’Emilia (22.913 contro 13.434). L’altra Regione sopra quota mille è la Sicilia (+1.024), ferme a circa 900 Toscana e Puglia. I nuovi contagi accertati in Friuli Venezia Giulia sono 680, 518 nelle Marche. Seguono a stretto giro Liguria e provincia di Bolzano (entrambe a +437), Sardegna (+416) e Abruzzo (+413). In Umbria, Marche e Calabria sono stati registrati circa 300 casi in un giorno, 172 in Basilicata e 114 in Molise. L’unica Regione con i contagi a doppia cifra è ancora una volta la Valle D’Aosta (+47).

Con i dati di questa domenica, è quindi possibile fare un confronto diretto con i numeri registrati nelle scorse settimane in modo da capire meglio l’andamento della curva epidemiologica. Da lunedì a oggi sono stati accertati complessivamente 176.341 casi, mentre 7 giorni fa (16-22 novembre) erano 230.349. Ciò significa che c’è stato un calo dei nuovi positivi del 23%. Ben più deciso rispetto al -5% osservato la settimana scorsa in relazione alla settimana ancora precedente (dal 9 al 15 novembre), quando i nuovi contagi erano 243.444. Si consolida, quindi, il rallentamento della curva segnalato dagli esperti. Ma, come ha ribadito al Fatto il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, è necessario mantenere prudenza in vista del Natale: “Per la prima e spero unica volta dovremo dimenticarci di feste in piazza, veglioni, cenoni con parenti e amici. Altrimenti tra tre, quattro settimane pagheremo un altro prezzo altissimo perdendo quanto guadagnato”.

Per quanto riguarda i dati dall’inizio della pandemia, risulta che fino a oggi i casi di coronavirus accertati nel Paese sono 1.585.178, i decessi 54.904. Con altri 13mila pazienti guariti o dimessi dall’ospedale, il totale arriva a 734.503. Sono 795.771, invece, le persone attualmente positive. Di queste, 759.139 sono in isolamento domiciliare, mentre circa 37mila si trovano in ospedale. I pazienti in area medica sono complessivamente 32.879, di cui 7.400 solo in Lombardia, 4.734 in Piemonte e 3.358 nel Lazio. 3.753 i malati per cui si è reso necessario il ricovero in terapia intensiva: 907 in Lombardia, oltre 300 in Piemonte, Veneto e Lazio.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Piemonte torna in zona arancione: a Torino lunghe file fuori dai negozi. Le immagini

next
Articolo Successivo

Vaccino anti-Covid, Galli a La7: “Preoccupato da come arriverà alle persone. La medicina territoriale è stata un flop in tutta Italia”

next