“In ospedale continuano a morirmi pazienti. Oggi è morto un signore di 47 anni, non è più un fatto di anziani o robe del genere. E se non si capisce questo non si va da nessuna parte”. A parlare è un infettivologo di un ospedale della provincia di Salerno che al telefono si sfoga sulla gestione, in Campania, dell’epidemia da Covid-19: “Se alle persone danno i dati veri, la gente viene presa dal panico; oppure qualche imbecille inizia a fare il negazionista”. Poi punta contro i dirigenti promossi da Vincenzo De Luca a capo della sanità regionale: “Stanno spacciando posti letto che però non esistono e sono talmente incapaci che non li recupereranno mai, perché vogliono usare soluzioni che non sono percorribili”. L’audio è stato raccolto dall’avvocato Michele Sarno, candidato in pectore di Salerno e storico esponente della destra antideluchiana.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti-Covid, Galli a La7: “Preoccupato da come arriverà alle persone. La medicina territoriale è stata un flop in tutta Italia”

next
Articolo Successivo

Miozzo (Cts) traccia i pro e contro della “fragile tregua” di Natale: “Stop spostamenti dal 19 dicembre? Resta il rischio di assalto ai trasporti. Ma c’è una richiesta sociale fortissima”

next