Non trova un taxi e così decide di rubare una ambulanza. Trama di un film? Niente affatto. Il questore di Bergamo Maurizio Auriemma ha emesso un foglio di via obbligatorio dal Comune di Treviglio, con divieto di ritorno per tre anni, nei confronti di una donna di 23 anni che nella notte del 19 novembre aveva sottratto una ambulanza dall’ospedale del centro bergamasco. Poco dopo, mentre stava tentando di raggiungere la sua abitazione di Verdello, il blocco del carabinieri. La scusa della donna? Non aver trovato un taxi che la riaccompagnasse. Il provvedimento amministrativo “si è reso necessario perché la giovane donna ha dato prova di essere persona socialmente pericolosa, circostanza confermata dai precedenti di polizia per furto, lesioni e minacce”, ha precisato il questore.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il direttore del pronto soccorso Galliera di Genova: “Curiamo meglio e di più rispetto a marzo, ma la svolta sarà con il vaccino”

next
Articolo Successivo

Selfie con la salma di Maradona, perquisiti gli artefici. E sulla morte dell’ex calciatore la Procura apre indagine

next