Facebook ha deciso di modificare il suo algoritmo in modo da favorire la visibilità delle notizie prodotte da fonti più autorevoli e contrastare la disinformazione. Bufale e fake news si sono moltiplicate negli ultimi mesi sia intorno alle presidenziali americane che alla pandemia di Covid-19, diffondendo notizie false e fuorvianti. Il social di Zuckerberg quindi, dopo il voto per la Casa Bianca, ha quindi deciso di portare nel News Feed degli utenti una maggiore presenza di notizie provenienti da testate come Cnn, Npr e lo stesso New York Times, riducendo al contempo la presenza di fonti “iper-partigiane”.

Di fronte alle fake news elettorali che stavano diventando virali, Facebook avrebbe deciso di dare più peso – nell’algoritmo che decide cosa mostrare – al “news ecosystem quality”, un punteggio segreto che viene assegnato agli organi di informazione ed è basato sulla qualità del loro giornalismo. “Normalmente questo punteggio gioca un ruolo minore nel determinare cosa viene mostrato agli utenti, ma alcuni giorni dopo le elezioni Mark Zuckerberg ha acconsentito ad aumentare il peso che l’algoritmo di Facebook attribuisce al punteggio, per assicurarsi che notizie autorevoli apparissero in modo più evidente”, scrive il quotidiano citando tre fonti interne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista