A Vincenzo De Luca rispondo citando Eduardo De Filippo e la sua ‘Napoli Milionaria’. Adda passà ‘a nuttata. E vedremo chi tra noi ha ragione“. Così , nella trasmissione “L’aria di domenica” (La7), il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia replica alle critiche espresse dal collega campano Vincenzo De Luca circa la pericolosità dei tamponi fai da te, attualmente in via di sperimentazione nel territorio veneto.

De Luca parla di perforazione della membrana nel naso? – continua il politico leghista – Questo test non tocca nessuna membrana, perché va nella fossa nasale e non nelle parti posteriori. E’ un po’ come mettersi le dita nel naso. Stiamo parlando di aspetti scientifici seri e non liquidabili con battute. La sperimentazione confermerà se questi tamponi sono validi oppure no. Ma negare oggi la possibilità di dare ai cittadini un test fai da te vuol dire essere fuori dalla storia. La partita è seria, siamo in fase di sperimentazione, poi invieremo i dati al ministero della Salute”.

E aggiunge: ” Gli Usa ci hanno preceduti perché la Food and Drug Administration ha approvato il primo test fai da te vendibile al banco. Speriamo che non si arrivi ultimi stavolta. Se il tampone fai da te sarà disponibile, lo sarà per tutti i cittadini italiani, non solo per i veneti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Morra, Cattaneo (Fi) applaude Rai ma conduttore di La7 obietta: “Lei è un liberale. Non è mai bello togliere microfono a un politico”

next
Articolo Successivo

Giletti contro De Luca: “Solo chiacchiere e distintivo. Vada negli ospedali e non predichi dietro una scrivania comoda dicendo cazzate”

next