Microsoft si sta impegnando davvero a fondo per rendere piacevole l’esperienza di navigazione con il suo web browser Edge basato su Chromium ed il fatto che l’utenza stia apprezzando gli sforzi fa capire che l’azienda sta andando nella direzione giusta. Nelle ultime versioni beta di Edge, guadagna una nuova feature, che consente di attivare la sincronizzazione della cronologia e delle schede chiuse di recente tra i vari dispositivi legati allo stesso account Microsoft.

La nuova cronologia è stata implementata in modo simile alla nuova esperienza Microsoft dedicata alla gestione dei preferiti. Per accedere più facilmente alla nuova cronologia, Microsoft ha infatti inserito un tasto apposito nella toolbar di Edge: al click sul pulsante dedicato sarà aperto un pannello diviso in tre sezioni: Tutte, Chiuse di recente e Schede da altri dispositivi. Nella prima sono mostrate le ultime 25 finestre e schede della cronologia, non solamente quelle dell’ultima sessione di navigazione.

Secondo l’azienda statunitense, la sincronizzazione della cronologia su tutti i dispositivi è una delle funzionalità più richieste dalla community: “Il supporto per la sincronizzazione della cronologia di navigazione e delle schede aperte è una caratteristica molto richiesta per Microsoft Edge. Questa funzione è ancora in fase di sviluppo e sarà resa disponibile per tutti in futuro, ma gli utenti che fanno già parte del rollout vedranno apparire un terzo pannello chiamato Schede da altri dispositivi”.

La sincronizzazione della cronologia di navigazione di Edge comprenderà tutti i sistemi operativi e i dispositivi che possono eseguire il browser, quindi funzionerà su Android, iOS, Windows, macOS e Linux. Microsoft sta abilitando la funzione gradualmente. Quindi, anche se fate parte di uno dei due canali Insider, è probabile dobbiate aspettare ancora qualche giorno prima di veder apparire il nuovo pannello.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google Maps ora ci guida anche attraverso la pandemia: arrivano i dati locali sui contagi

next