Risorge la storica etichetta Numero Uno, fondata nel 1969 da Mogol, suo padre Mariano Rapetti e Alessandro Colombini, che ha segnato la storia della musica italiana con le pubblicazioni della PFM, Bruno Lauzi, Edoardo Bennato, Ivan Graziani, Eugenio Finardi e naturalmente Lucio Battisti con i suoi dischi dal 1972. Il nuovo corso dell’etichetta è stato presentato alla Milano Music Week con Mara Maionchi, Mogol, Franz Di Cioccio e alcuni dei nuovi artisti come Iosonouncane (che ha appena pubblicato il nuovo singolo “Novembre”), Colapesce, Dimartino e La Rappresentante di Lista. Dell’etichetta faranno parte anche Fadi, Gianluca De Rubertis, Camilla Magli e Marco Castello.

Sara Potente, A&R Manager di Sony Music Italy e Direttrice Artistica della nuova Numero Uno ha spiegato durante l’incontro la filosofia dietro il progetto: “Raccogliere il testimone di un momento artistico come quello di Numero Uno è una responsabilità. Numero Uno è il nome di un’etichetta ma anche sinonimo di una creatività inarrestabile, di un entusiasmo contagioso, di un flusso costante di energia. Ed è questo l’insegnamento più grande che possiamo raccogliere per i nuovi Artisti che da oggi saranno pubblicati”. Inoltre ha anche spiegato cosa la colpisce di un nuovo talento: “Anzitutto l’importanza e l’urgenza di dire qualcosa, quando nella mia stanza l’aria si sposta e avverto il carisma dell’artista allora sì, capisco che mi ha colpito”. È intervenuto anche Stefano Patara, Executive Director Legacy & Strategic Marketing: “Riaprire una label come la Numero Uno significa confrontarsi con un’eredità incredibile, e per molti versi anche irripetibile; però il momento potrebbe essere quello giusto”.

È già disponibile “Storie di un minuto”, il podcast della Numero Uno, che racconta (in 15 puntate disponibili su Apple Podcasts, Spotify, Google Podcasts, Castbox, Overcast, Pocket Casts, Podcast Addict e Stitcher) la storia dell’etichetta, dei suoi artisti e dei loro dischi. Sony Music Italy ha deciso di lanciare l’11 dicembre la prima serie di ristampe che comprende: “Questo folle sentimento / Avevo una bambola Rock” della Formula 3, primo 45 giri dell’etichetta. E ancora “Rock “dei Flora Fauna e Cemento, due titoli di Lucio Battisti, ossia l’album “Lucio Battisti, la batteria, il contrabbasso, eccetera” e il singolo “La canzone del sole / Anche per te”. Infine la raccolta “Collezione Numero Uno” che raccoglie i singoli dei nomi di punta della label.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canzoni dell’anno – Francesco Bianconi con ‘L’abisso’ rispecchia bene le sensazioni di questo momento storico

next
Articolo Successivo

XFactor 2020, ai live i Melancholia non si smentiscono: la loro versione di “Sweet dreams” è da standing ovation

next