Risorge la storica etichetta Numero Uno, fondata nel 1969 da Mogol, suo padre Mariano Rapetti e Alessandro Colombini, che ha segnato la storia della musica italiana con le pubblicazioni della PFM, Bruno Lauzi, Edoardo Bennato, Ivan Graziani, Eugenio Finardi e naturalmente Lucio Battisti con i suoi dischi dal 1972. Il nuovo corso dell’etichetta è stato presentato alla Milano Music Week con Mara Maionchi, Mogol, Franz Di Cioccio e alcuni dei nuovi artisti come Iosonouncane (che ha appena pubblicato il nuovo singolo “Novembre”), Colapesce, Dimartino e La Rappresentante di Lista. Dell’etichetta faranno parte anche Fadi, Gianluca De Rubertis, Camilla Magli e Marco Castello.

Sara Potente, A&R Manager di Sony Music Italy e Direttrice Artistica della nuova Numero Uno ha spiegato durante l’incontro la filosofia dietro il progetto: “Raccogliere il testimone di un momento artistico come quello di Numero Uno è una responsabilità. Numero Uno è il nome di un’etichetta ma anche sinonimo di una creatività inarrestabile, di un entusiasmo contagioso, di un flusso costante di energia. Ed è questo l’insegnamento più grande che possiamo raccogliere per i nuovi Artisti che da oggi saranno pubblicati”. Inoltre ha anche spiegato cosa la colpisce di un nuovo talento: “Anzitutto l’importanza e l’urgenza di dire qualcosa, quando nella mia stanza l’aria si sposta e avverto il carisma dell’artista allora sì, capisco che mi ha colpito”. È intervenuto anche Stefano Patara, Executive Director Legacy & Strategic Marketing: “Riaprire una label come la Numero Uno significa confrontarsi con un’eredità incredibile, e per molti versi anche irripetibile; però il momento potrebbe essere quello giusto”.

È già disponibile “Storie di un minuto”, il podcast della Numero Uno, che racconta (in 15 puntate disponibili su Apple Podcasts, Spotify, Google Podcasts, Castbox, Overcast, Pocket Casts, Podcast Addict e Stitcher) la storia dell’etichetta, dei suoi artisti e dei loro dischi. Sony Music Italy ha deciso di lanciare l’11 dicembre la prima serie di ristampe che comprende: “Questo folle sentimento / Avevo una bambola Rock” della Formula 3, primo 45 giri dell’etichetta. E ancora “Rock “dei Flora Fauna e Cemento, due titoli di Lucio Battisti, ossia l’album “Lucio Battisti, la batteria, il contrabbasso, eccetera” e il singolo “La canzone del sole / Anche per te”. Infine la raccolta “Collezione Numero Uno” che raccoglie i singoli dei nomi di punta della label.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canzoni dell’anno – Francesco Bianconi con ‘L’abisso’ rispecchia bene le sensazioni di questo momento storico

next
Articolo Successivo

XFactor 2020, ai live i Melancholia non si smentiscono: la loro versione di “Sweet dreams” è da standing ovation

next