Ha davvero senso ed è necessario lavorare 9-18/19 (se va bene), con il peso di mezz’ora-un’ora di trasporti per rientrare a casa, di striminzire le relazioni umane e gli orizzonti di senso perdendo qualità e presenza mentale? Per non parlare dell’“home working”, per certi aspetti mostratosi ancora più devastante, nella sua iperconnettività.

Credo sia utile che la domanda “è inevitabile?” ce la poniamo tutti: imprenditori, manager, Hrm, liberi professionisti e più che mai i dipendenti, per creare ambienti di lavoro davvero smart: ovvero più produttivi, liberi, felici, coinvolti e soprattutto meno tossici.

E a questo punto, più che smart, direi “Fair” (giusti, gentili, equi, come nel ‘fair-trade’): “Fair Working” – soprattutto ambienti ‘giusti, equilibrati’ dal punto di vista esistenziale. Sia nel for profit che nel non profit. Persino nel Terzo Settore, l’intossicazione organizzativa dovuta ad auto-sfruttamento ‘per la causa’ è arrivata a livelli di guardia che adesione alla mission e amore per il servizio non riescono più a sostenere, e i lavoratori (manager e dipendenti) si consumano in uno stato di burn-out latente: di fatto ‘ci cuociamo da soli a fuoco lento’!

I dirigenti (non profit e for profit) che parlano di motivazione e benessere si rendono davvero conto dei livelli di stress in cui vivono le “loro persone”, iperconnesse e sobbalzanti tra bip e notifiche h24? Che hanno a che fare con persone (‘their people’) prima che con ‘lavoratori’?

Ne La Società della Stanchezza (ed. Nottetempo, 2012-20) il mio amico filosofo Byung Chul Han ci racconta in modo drammatico quanto stiamo diventando sempre più vittime-carnefici di noi stessi. Siamo passati da una ‘Società Disciplinare’ (“io devo”) ad una ‘Società della Prestazione’ (“Io posso”), da soggetti di obbedienza (esterna) a soggetti di prestazione (e burn out). La performance si è sostituita al ‘padrone’, è diventato un valore esistenziale di espansione di un ego altrimenti inadeguato, come nella retorica drogata (in tutti i sensi) delle start up. Quello che, nelle mie letture giovanili, era ‘L’Uomo ad una Dimensione’ di Marcuse, ora è (siamo) un mostro a due facce, una di ‘iper-consumatore’ e l’altra di ‘iper-lavoratore’, alla faccia dell’Ozio creativo’ del mio amico Mimmo De Masi.

E’ chiaro che società della prestazione e del consumo sono due facce dello stesso aborto – più produco, più guadagno, più consumo – in cui siamo immersi in un flusso continuo di momenti produttivi e di relazioni commerciali.

Nel libro Up! La vita è una sola (doppio senso alla romana) ho analizzato a fondo come quanto stanchezza, ansia e depressione siano a livelli mai raggiunti: stiamo perdendo il gusto della pausa, del non fare, della noia, della festa, del sacro, della contemplazione. Sta morendo quel pochissimo che rimane di Dio. La coppia e la famiglia naufragano nel mare di attività, le loro pause spesso prive di quella (antica) dolcezza dell’essere ‘stanchi insieme’, con un ‘io sono stanco qui’- ‘tu sei stanco lì’ – tradotto: “lasciami perdere”. Lo spazio degli abbracci è occupato dagli smartphone, quello delle carezze dai like.

Sono le 40 ore (e passa) a settimana la follia, una ‘follia a due’ azienda-lavoratore, all’interno di questo sempre meno sostenibile, tossico, ‘ambiente consumista’. Che fare? Lavorare meno. Meglio. (Quasi) tutti.

Nella mia organizzazione- la Social Change School -, sto riflettendo sul porre un limite di 30-32 ore settimanali (part time flessibile), rispetto alle 40 del contratto pieno. Vuol dire un 25% di tempo guadagnato (un giorno di lavoro in meno – la meraviglia del venerdì o lunedì liberi! – o giornate di 6 ore senza obbligo pausa pranzo, ad esempio 8.30-14.30: una meraviglia – salvo per chi abbia altri problemi.

Il taglio salariale sul part time sarebbe non superiore al 15-20% – che non è una tragedia, e magari fa risparmiare di baby sitter, o automobile o tanti altri costi derivati dall’avere ‘poco tempo’. Che permette di coltivare altre aree di senso di se stessi, e di lavorare meno spompati e più soddisfatti.

Per la mia organizzazione e le ‘mie persone’ vorrebbe dire organizzare il lavoro in modo più efficiente: nella mia vita ‘da manager’ ho ristrutturato decine di processi riducendoli del 30% di tempi-costi in una logica fair. “Fair Working” vuol dire investire al massimo sulla formazione e sul coaching, sul time management, sul lavorare per risultati, su meno sigarette, meno caffè e meno chiacchiere non sempre utili, perché spesso spese a lamentarsi del troppo lavoro.

E se ‘le ore non bastano’? Mettiamo dentro altri, e lavoriamo con più persone. I consumi che perdiamo da un lato (causa diminuzione entrate) li recuperiamo dall’altro (creando occupazione), aumentando l’inclusione sociale e valorizzando talenti inutilizzati.

Può apparire ingenuo o semplicistico? E allora confrontiamoci. Io credo che il settore Non Profit-Terzo Settore, pur nelle sue contraddizioni, possa e debba produrre una riflessione originale su questi temi per la tradizionale attenzione e solidarietà che esprime alle sue persone. Lettori, colleghi, ragioniamoci insieme.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Fiom lancia assemblee nelle fabbriche del settore auto: “Occupazione, ambiente e salute, ecco le nostre idee. Serve accordo col governo”

next
Articolo Successivo

Rider, una volta tanto gli sforzi e le pressioni sono serviti a dare dignità a questi professionisti

next