Tra chi attende in fila per un tampone c’è chi ha perso il lavoro, chi si ritrova senza casa e vive per strada. Ma anche migranti, anziani, poveri che devono avere accesso ai dormitori, chi non ha accesso al sistema sanitario nazionale. O chi deve tornare verso i propri Stati d’origine. Alla vigilia della Giornata mondiale dei Poveri del 15 novembre, fin dalle prime ore del mattino, di fronte all’ambulatorio “Madre di Misericordia”, un presidio nel colonnato di San Pietro fortemente voluto da Papa Francesco per offrire cure, medicinali e assistenza medica gratuita ai poveri di Roma, è un continuo via vai di persone. Un servizio diretto da Lucia Ercoli, responsabile sanitaria della onlus “Medicina solidale”, medico della Direzione di sanità e igiene del Vaticano.
“Ho perso il lavoro dieci anni fa, facevo l’ingegnere chimico. Ma quelli come me vengono tagliati fuori, per fortuna c’è il reddito di cittadinanza, altrimenti non saprei di cosa vivere”, spiega un senzatetto. Non è l’unico. Già da diverso tempo grazie all’opera dell’Elemosineria apostolica (l’Ufficio della Santa Sede che ha il compito di esercitare la carità a nome del Pontefice), in molti, tra poveri e indigenti, sia italiani che stranieri, si ritrovano sotto il colonnato in attesa di un pasto caldo, di assistenza. O in coda per poter fare una doccia. In tempi di lockdown, totale o parziale che sia, ed emergenza coronavirus, le richieste si sono moltiplicate. “Tante persone che conosco non sapevano come fare, qui invece c’è la possibilità di fare un tampone, senza spese. Per chi, come noi, vive per strada, è essenziale: ti permette di sentirti un po’ più al sicuro”, racconta un homeless. I numeri degli accessi e delle visite mostrano la necessità del servizio: “Quanti arrivano? Circa 50 persone al giorno, qui facciamo tamponi rapidi e molecolari”, chiarisce un medico.
Non è certo l’unico servizio offerto. “Molti arrivano per il vaccino antinfluenzale, altri per disturbi e patologie di tutt’altra natura”. Per tanti altri, poi, è anche lo strumento per evitare la strada: “Questo è il secondo che faccio, perché senza tampone non puoi accedere ai dormitori“. E c’è chi racconta, attendendo il proprio turno: “Siamo tanti, un esercito”. Dal pontificato di Bergoglio, così, in Vaticano si offre un aiuto per chi non ha la possibilità economica di potersi curare. “Così conserviamo la nostra dignità. E ci sembra di fare ancora parte del mondo, dato che spesso chi non ha un tetto dove vivere sembra esserne escluso”.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telemedicina, ecco come si può ridurre l’afflusso negli ospedali monitorando i pazienti online. App e sistemi esistono, servono fondi

next
Articolo Successivo

Covid, dal coprifuoco agli spostamenti tra regioni. Cosa succederà a Natale si deciderà solo dopo il 3 dicembre

next