“Sono devastato. Stefano mi era molto vicino, e io ero molto vicino a lui. Trovo assurdo quello che stiamo vivendo. La velocità è stata disarmante, la morte dolorosa e il Covid ha reso tutto crudele, ci ha tolto la possibilità di stare con lui, di stargli vicino, di tenergli la mano. È un peggiorativo a un dolore già assurdo”. Le parole, colme di dolore, sono quelle di Red Canzian che all’Adnkronos ha detto quanto siano stati difficili questi ultimi giorni: “È una malattia bastarda, che aggiunge crudeltà al dolore… Lo abbiamo saputo una settimana fa. È entrato in ospedale, con questa febbre improvvisa. Ci hanno detto che era il Covid. Il virus gli aveva già preso i polmoni, e poi tutto è precipitato”. Poi i ricordi di una vita di una musica e amicizia: “È normale, basso e batteria in una band sono molti legati tra loro. E poi umanamente, avevamo mille cose in comune”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Linus: “Io, vittima di una truffa digitale per 5000 euro. Vi racconto com’è andata, sono tanti i fessi com me”

next
Articolo Successivo

Stefano D’Orazio, la moglie Tiziana Giardoni: “Era in via di guarigione da un’altra patologia ma il covid-19 ha compromesso tutto”

next