“Credo che il sistema scelto dal governo per definire le zone gialle, arancioni e rosse sia troppo complesso, perché divide non solo per Regioni, ma anche per province. Immaginate quanti distinguo. E inoltre considera non solo l’Rt ma 21 parametri, difficilissimi da decifrare. Qualcuno potrebbe dirmi ‘tu cosa avresti fatto’? Avrei scelto un sistema più semplice e più uniforme”. Così il sindaco di Milano, Beppe Sala, in un video su Facebook ha criticato il nuovo dpcm introdotto dall’esecutivo per arginare l’epidemia da Covid-19. “Non sono così certo che questa classificazione, vista in maniera dinamica, garantisca una decisione equa”, ha aggiunto, specificando però che farà rispettare qualunque decisione. “Per difendere la mia comunità continuerò a combattere perché questi benedetti ristori arrivino, tempestivamente e nella misura giusta”, ha sottolineato, annunciando un incontro con il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Speranza alle Regioni: “Non ignorino gravità dei dati”. Ora la Calabria contesta la zona rossa, ma ha modificato i numeri della Terapia intensiva all’ultimo minuto

next
Articolo Successivo

Scontro in Aula sulle zone rosse, centrodestra: “Regioni gialle solo perché di centrosinistra”. Delrio: “E allora la Liguria? Scelte basate su dati”

next