Con l’avanzare della seconda ondata di pandemia di coronavirus, aumenta anche il livello di preoccupazione per la propria salute degli italiani. L’88% degli intervistati per l’ultimo sondaggio condotto da Ixè si dicono preoccupati. Tra questi, il 42% del totale sono “seriamente preoccupati”. Numeri che hanno ormai raggiunto quelli della prima ondata, quando il governo aveva optato per un lockdown nazionale.

La preoccupazione dei cittadini è direttamente collegata alla prossimità con casi di Covid. Manifestano più paura per la propria salute proprio coloro che conoscono o sono venuti in contatto con persone che hanno contratto il coronavirus, situazione segnalata da circa tre italiani su quattro, con un aumento nell’ultimo mese dovuto anche al picco di nuovi casi.

Nell’attuale situazione, sei cittadini su dieci sarebbero a favore di un lockdown circoscritto agli over 65 e alle persone con gravi patologie. Inoltre, metà degli italiani reputano adeguate le misure prese con gli ultimi Dpcm. Uno su quattro le giudica eccessive, mentre uno su cinque avrebbe voluto maggiore rigore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Viviana Parisi e il piccolo Gioele non sono stati aggrediti”: la perizia sul caso Caronia. Il pm: “Piste tutte aperte, ma alcuni dati fermi”

next
Articolo Successivo

Halloween, festa a Milano nel quartiere Chinatown: 20 ragazzi denunciati. In 80 in hotel del centro storico di Roma: sanzionati

next