Dopo Milano, Torino, Roma e Napoli, disordini e violenze, con bombe carta, anche Firenze. Circa 600 persone, tra cui molti giovanissimi, hanno partecipato a una manifestazione non autorizzata e organizzata attraverso i social. La guerriglia si è conclusa solo dopo la mezzanotte, con 10 feriti lievi tra gli appartenenti alle forze dell’ordine: 4 le persone arrestate, tutte vicine all’area anarco-antagonista. Si tratta di un 19enne proveniente da Arezzo al quale è contestato il lancio di molotov nella zona di borgo Ognissanti, oltre a due donne di 26 e 28 anni e un 29enne, tutti residenti a Firenze e provincia, accusati di resistenza a pubblico ufficiale. Una ventina invece i denunciati, accusati a vario titolo di violenza e danneggiamento. Ma le indagini di polizia e Digos proseguono senza sosta per cui nelle prossime ore potrebbero esserci altre segnalazioni all’autorità giudiziaria.

I manifestanti si erano riuniti con un tam tam sui social e, dopo che i negozi del centro, soprattutto quelli del lusso, avevano chiuso in anticipo e blindato le vetrine per timore di saccheggi come quelli avvenuti in altre città, in circa duecento si sono radunati per entrare in piazza della Signoria, ma sono stati fermati dal cordone della polizia, già schierata a protezione anche con blindati. Una parte si è allora spostata in piazza del Duomo, lanciando slogan contro il presidente del consiglio e accendendo fumogeni.

La contrapposizione con i manifestanti, da parte dei quali è cominciato un lancio di bottiglie e altri oggetti, ha portato numerose cariche della polizia, almeno sei, in particolare lungo via Calzaioli e nella zona dello shopping. E mentre alcuni dei manifestanti scesi in piazza con intenti pacifici hanno preferito abbandonare la protesta, altri hanno continuato nei disordini, facendo esplodere bombe carta, rovesciando fioriere e bidoni e lanciando bottiglie molotov. Durante le proteste sono stati rovesciati numerosi cestini della spazzatura e fioriere e divelti cartelli. I manifestanti hanno anche danneggiato un’auto della polizia sfondandone i vetri. Sono almeno due i fermati, ma potrebbero essere di più.

Prima dei disordini i manifestanti, tra antagonisti, estremisti di destra e ultrà, avevano urlato slogan e cori contro il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e acceso alcuni fumogeni in piazza del Duomo. Il basamento del campanile di Giotto era stato come una sorta di palco improvvisato da cui parlare al grido di “libertà, libertà”. La manifestazione, indetta con un tam tam, era stata inizialmente bloccata da un cordone di polizia in assetto antisommossa all’ingresso con piazza della Signoria. Un altro gruppetto di manifestanti era stato invece intercettato e bloccato dalle forze dell’ordine in piazza della Repubblica. La manifestazione di protesta era stata organizzata anche con Whatsapp, con un volantino anonimo intitolato ‘Fate girare Firenze”.

“Una situazione del genere non l’avevo mai vista e ahimè c’è una minoranza di persone che viene con l’intento di provocare scontri e violenze. Io ho visto anche persone che volevano manifestare pacificamente. Quello che più mi fa soffrire ma anche arrabbiare è vedere chi cerca di strumentalizzare questa rabbia che non è accettabile. Stasera una minoranza di persone venuta intenzionalmente per provocare e per cercare gli scontri ha messo a dura prova la nostra città” ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, nel corso della trasmissione Titolo V su Rai 3. “È solo violenza fine a sé stessa, gratuita. Chi sfregia Firenze deve pagare per quello che ha fatto”, ha aggiunto. Prima dei disordini il primo cittadino aveva parlato di un’iniziativa di “neofascisti e ultras violenti”.

Un’altra manifestazione che era stata convocata a Bologna si è conclusa invece senza incidenti. Circa 300 persone sono sfilate, partendo dalla stazione, mostrando striscioni e scandendo slogan contro il governo ma rinunciando a raggiungere piazza Maggiore, come qualcuno aveva intenzione di provare a fare. Molto folta, fra i manifestanti, la presenza di ultras del Bologna, con i fumogeni rossi.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, ora le Regioni varano le strette: dall’Umbria alla Basilicata fino alla Valle d’Aosta tutte le nuove norme anti-contagio

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’appello di Arcuri ai medici di base: “Necessario fare i tamponi molecolari rapidi dalla prossima settimana”

next