Erano in possesso di un’ingente quantità di foto e video pedopornografici, che si scambiavano in numerose chat online. Per questo la Polizia Postale ha denunciato 13 persone, accusate di far parte di una rete di pedofili con base a Trieste ma radicata in tutta Italia. Le accuse nei loro confronti sono di divulgazione, cessione e detenzione di ingente quantità di immagini video e foto pedopornografiche.

La vasta operazione, denominata ‘Pepito‘, ad opera della Polizia Postale di Trieste e Udine, coordinata dal Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma e disposta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste, ha portato all’esecuzione di 11 decreti di perquisizione in 6 regioni italiane. Dalle indagini è emerso che i presunti pedofili acquistavano materiale prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori anche di 13 anni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Napoli la protesta di titolari di bar e ristoranti alla vigilia del coprifuoco: “Per noi nessuna tutela, andremo in bancarotta”

next
Articolo Successivo

Coprifuoco in Lombardia, dal Duomo ai Navigli: Milano si “spegne” alle 23 per combattere i contagi. Il video-racconto della città deserta

next