Il vecchio e goffo tubo catodico è ormai un vago ricordo da più di un decennio, tanto che i più giovani rischiano di non averne mai visto uno. Dall’avvento dei televisori al plasma prima e LCD poi è stata una corsa alla realizzazione di display sempre più sottili e meno invasivi visivamente, in grado di funzionare quasi da complementi d’arredo anche nel più curato dei salotti. Questa corsa ha trovato però un ostacolo nella possibilità di ridimensionare oltre una certa soglia il comparto di alimentazione, necessariamente sovradimensionato per compensare la perdita di potenza generata dal riscaldamento della circuiteria, che può raggiungere il 40%. LG Innotek, divisione del colosso coreano che si occupa di componentistica hardware e circuiteria, ha però trovato una soluzione che promette di snellire sensibilmente i TV del prossimo futuro.

Il materiale in questione è la ferrite ad alta densità, un materiale magnetico basato per la maggior parte sull’ossido di ferro, in grado di limitare fortemente le perdite di energia.

Questo materiale permette al modulo di potenza per la TV di essere spesso appena 9.9 mm, il più sottile del mondo, riducendo lo spessore della TV di circa il 60%“, si legge nel comunicato stampa ufficiale. “Se la TV OLED ultra-sottile da 65 pollici con un modulo di alimentazione standard ha uno spessore di circa 46,9 mm può scendere a meno di 20 mm adottando un modulo di alimentazione “high efficiency ferrite”. Questo materiale offre infatti meno perdita di potenza, riducendo il numero di componenti necessari di un terzo, grazie a singoli componenti il 40% più sottili rispetto agli attuali.

Inoltre, la “ferrite ad alta efficienza” può aumentare l’efficienza energetica del modulo di alimentazione per la TV fino al 5%. La maggiore efficienza energetica della parte riduce il calore e riduce al minimo i danni da calore, aumentando la durata del componente”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei svela la versione Porsche Design dello smartwatch Watch GT 2

next
Articolo Successivo

WhatsApp, gli acquisti in-app arrivano nella versione Business

next