La riapertura delle scuole in un paese civile come l’Italia doveva necessariamente avvenire. Non ho fatto nessuna battaglia. Ho lavorato con molta umiltà per tutta l’estate insieme a una comunità scolastica che ringrazio ogni giorno e che è fatta da docenti, dirigenti scolastici e personale ATA. Anche le famiglie hanno dato un grosso aiuto”. Sono le parole pronunciate a “Otto e mezzo” (La7) dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che aggiunge: “Tutt’oggi credo che, per come sono state preparate le scuole quest’estate, anche laddove i contagi dovessero aumentare, la scuola dovrebbe essere l’ultima a chiudere, così come sta avvenendo in Francia, in Germania, in Irlanda. La scuola è una priorità, è il presente e il futuro del nostro paese, lì formiamo i nostri ragazzi”.

Poi si sofferma sull’ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: “Sono molto felice che la scuola primaria riapra lunedì prossimo, ma ci sono le scuole medie che ancora restano chiuse. Oggi ho sentito anche il prefetto di Napoli: tenere chiuse le scuole in certe zone del paese rischia di essere pericoloso perché poi quei bambini vanno per strada. In questi giorni mi hanno mandato delle foto che mostravano bambini per strada a giocare a pallone, altri erano nei centri commerciali. Questo non è che aiuti a debellare il virus. Se fossimo in una situazione di lockdown totale, potrei capire, ma se i bambini non vanno a scuola e stanno in giro, è un problema. E lo è a maggior ragione in una regione dove c’è una forte dispersione scolastica. Secondo i dati dell’Eurostat, in Italia abbiamo una dispersione scolastica del 14,5%, in Campania è del 18,5% e l’Europa ci chiede il 10%“.

La ministra, infine, conferma il concorso straordinario per gli insegnanti precari previsto il prossimo 22 ottobre a Roma e si rivolge ai docenti che, anche sui social, hanno chiesto il rinvio delle prove per via della pandemia da covid: “Voglio rassicurare tutti: il concorso non si terrà in grandi padiglioni fieristici. Qui avremo dieci persone per laboratorio, distanziate, con gli igienizzanti, guanti, mascherine e il controllo della temperatura all’ingresso. E’ un concorso con un protocollo di sicurezza varato dal Cts. Ci servirà per avere meno precari l’anno prossimo perché potremo assumere“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, il nuovo sistema non può prescindere dalle preferenze

next
Articolo Successivo

Sardegna, un disegno di legge aumenta poltrone e costi. E io non ne vedo i vantaggi

next