È morto Alfredo Cerruti, voce ‘narrante’ degli Squallor, gruppo “fantasma” fondato nel 1971 insieme a Giancarlo Bigazzi, Daniele Pace e Totò Savio, con partecipazioni occasionali di Elio Gariboldi, Gianni Boncompagni e Gigi Sabani. Il successo di questa band di culto arrivò, praticamente senza promozione, con il 45 giri “38 luglio” nel 1971. Questo brano surreale raggiunse un grande pubblico e anticipò la pubblicazione del primo album, TROIA, nel 1973. I quattro erano già stimati professionisti nel mondo musica. Nonsense, umorismo e spinte rivoluzionarie, gli Squallor, musicisti e arrangiatori abilissimi, erano poco interessati alla “hit” e molto di più a diventare un gruppo di culto tra gli appassionati di musica pop/rock.

Cerruti è stato anche produttore discografico, attore e autore tv. Nato a Napoli nel 1942, aveva 78 anni. A metà degli anni ’70 fu molto chiacchierata la sua love story con Mina. Cerruti è stato, insieme a Renzo Arbore, una delle menti geniali dietro a Indietro tutta!: “Era un mezzo capolavoro quel programma. Ci ritrovavamo a casa di Renzo con la mortadella e le michette. Poi, a pancia piena, ragionavamo. Certe indicazioni le davo direttamente dalla terrazza. Fumavo come un pazzo e a casa Arbore il fumo era bandito”, ha raccontato lo stesso Alfredo in un’intervista a Il Fatto Quotidiano del 2014. La sua esperienza in tv lo ha portato a firmare anche quattro edizioni di Domenica In. A dare la notizia questa mattina su Facebook l’amico Natalino Candido sulla pagina fan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banksy e la bimba con l’Hula Hoop: la nuova opera

next
Articolo Successivo

“Meghan Markle indossa l’orologio di Diana (e un look da oltre 300 mila euro)”

next