L’orsa JJ4, soprannominata Gaia, deve restare libera. Il Consiglio di Stato ha sospeso l’esecutività dell’ordinanza della Provincia di Trento che dispone la cattura dell’orsa e la sua reclusione in cattività. La sospensione è fino alla discussione collegiale cautelare, fissata per il 19 novembre prossimo. Si tratta di un decreto del presidente della Terza Sezione Franco Frattini. Nelle motivazioni, si cita il fatto che l’orsa ha tre cuccioli che, vista la stagione, sta per accompagnare in letargo. Inoltre in inverno c’è ridotta presenza umana nei boschi. Infine, se venisse catturata, l’orsa sarebbe rinchiusa nel recinto del Casteller, già ritenuto inadatto per il benessere degli animali.

Giovedì 8 ottobre il Tar di Trento aveva ribaltato il proprio precedente pronunciamento dichiarando “non accoglibile” la domanda cautelare presentata dall’Enpa, Oipa e dal ministero dell’Ambiente. La richiesta era quella di sospendere l’ordinanza emanata dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, lo scorso 11 agosto, che prevedeva la cattura e la prigionia permanente dell’orsa JJ4.

L’orsa, di 14 anni, il 22 giugno scorso aveva aggredito due uomini, padre e figlio, mentre erano nei boschi del Peller in cerca di funghi. JJ4 era accompagnata dai cuccioli e il suo atteggiamento aggressivo era stato provocato proprio dalla presenza dei piccoli: spaventata dalla presenza degli umani, aveva attaccato per difendere gli orsetti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Impact, soluzioni per una crisi”, cosa è il climate change e cosa è possibile fare per contrastarlo. Dal 12 ottobre l’approfondimento di Sky Tg24

next
Articolo Successivo

L’orsa JJ4 è di nuovo libera: un altro stop a una politica persecutoria

next