E’ polemica tra il Cts e il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, che ieri a “Dimartedì” (La7) ha duramente attaccato l’organo scientifico istituito presso la presidenza del Consiglio: “Secondo me, nel Cts c’è troppa burocrazia. Fino a oggi siamo stati perfetti, ma dobbiamo lavorare sulla riduzione delle quarantene e migliorare la diagnostica, rendendola più semplice, perché non si possono aspettare 8 ore per un tampone, come è successo a Milano. Questo è il compito di un Comitato tecnico scientifico a cui arrivano dalle richieste. I tamponi li compriamo noi sempre su indicazione del Cts”.

E rincara: “I test salivari sono importantissimi. Bisogna liberare le persone dalle quarantene. Noi rischiamo per ottobre-novembre di lasciare mezza Italia in quarantena per isolamento fiduciario. Se non facciamo tutto questo, anche sulla semplificazione della diagnostica, rischiamo di rimanere indietro, cioè perdiamo tutto quello che abbiamo guadagnato. Ho proposto, per esempio, già dai primi di luglio i test rapidi. Sto ancora aspettando una risposta dal Cts”.

Sileri ribadisce le sue critiche anche nel faccia a faccia con il professor Luca Richeldi del Cts: “Dopo un mese abbiamo bisogno di sapere se nelle scuole i test salivari saranno utilizzati in tutte le Regioni o solo in alcune, altrimenti rischiamo di avere troppe classe chiuse, troppi uffici chiusi, troppa gente che non va a lavoro. Le regole le facciamo noi. Il Cts è al servizio della politica, non è il contrario. Voi decidete una cosa e la politica la mutua”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini antinfluenzali, Bonaccini su La7: “Gallera studi e si informi, noi riusciremo a coprire tutti a differenza della Lombardia”

next
Articolo Successivo

Enrico Mentana indossa la mascherina nell’intervista alla ministra Azzolina: “Non volevo dare il cattivo esempio”

next