“La prevenzione è il nome che si dà alla repressione“. Lo ha detto alla Camera, Vittorio Sgarbi, dopo le comunicazioni del ministro Roberto Speranza sulla gestione della pandemia da coronavirus. Secondo Sgarbi le misure di confinamento dei positivi asintomatici è “una misura repressiva fascista“. “Abbiamo una Italia ristretta, chiusa, fascista” con misure che “non ci sono in Germania, in Svezia o in Albania”. “Perché – si è domandato – non si cercano i malati di Epatite C? Il Covid è una malattia da cui si guarisce. Occorre individuare i rischi reali e prendere misure necessarie, e non indurre nei cittadini paura di andare da soli nel bosco”, o obbligare all’uso della mascherina “che è un’assurdità“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prima la mafia italiana! Un paio di domande alla leghista Maraventano

next
Articolo Successivo

Manca il numero legale, il centrodestra esulta. Rosato: “Non c’è niente da festeggiare”. Fiano: “41 deputati di maggioranza in quarantena”

next