Perché scegliere di investire nel mercato immobiliare del lusso smart oggi? A mettere in luce i pro di questa decisione ci ha pensato solamente qualche giorno fa Immobiliare.it in un articolo pubblicato sul suo blog.

Un segmento, quello degli immobili di lusso, che nel corso degli anni passati era stato colpito dalla crisi, seppur marginalmente rispetto ad altre fasce di abitazioni, ma che adesso sta raccogliendo sempre maggiori interessi. L’emergenza sanitaria Covid-19, infatti, non ha avuto forti conseguenze per il potere spendente di questi compratori, che adesso si sentono nuovamente pronti ad investire nel mattone. Un trend che si rispecchia anche nei contratti di affitto: nonostante la disponibilità economica, in molti scelgono ancora di puntare sulle locazioni per questa specifica fascia di immobili.

I numeri parlano chiaro, la domanda è in crescita: nel corso del 2020 si è evidenziato un grande aumento di richieste per immobili di prestigio, sia nelle grandi città sia nelle principali località di villeggiatura. Si vuole acquistare o prendere in locazione, è vero, ma essenziale per finalizzare la compravendita o concludere il contratto di affitto non è solo il comfort, ma anche le elevate prestazioni tecnologiche che oggi agli occhi degli investitori sono diventati un elemento imprescindibile.

Requisiti difficili da trovare

I must have che dovrebbero avere questi immobili, come abbiamo detto, passano dalla posizione esclusiva alla metratura, ma soprattutto devono essere smart e domotici. Caratteristiche queste che, tutte insieme, risultano essere difficili da individuare e che quindi rendono la domanda numericamente più alta dell’offerta. Ecco perché non si prevede una riduzione dei canoni di locazione, almeno nel breve termine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il verde aumenta il valore delle case

next
Articolo Successivo

Che cosa si nasconde dietro le case a 1 euro?

next