Per la seconda volta in due anni, i cittadini della Nuova Caledonia sono andati a votare per decidere se rimanere territorio francese d’oltremare o se staccarsi dalla madrepatria. E per la seconda volta consecutiva il No all’indipendenza ha vinto. L’arcipelago del Pacifico, distante oltre 16mila chilometri da Parigi e vicino all’Australia, resta quindi sotto il controllo della Francia. I 304 seggi sono rimasti aperti fino alle 18.00 ora locale (le 9 in Italia) ed è stata registrata un’affluenza record: un’ora prima della chiusura delle urne aveva votato il 79,63% degli aventi diritto, 6 punti in più rispetto al referendum del 2018. In quell’occasione il No vinse con il 56,7%, mentre i dati di oggi ancora non sono stati diramati. Secondo i primi sondaggi, il No sarebbe in vantaggio con il 53% circa.

Immediata la reazione del presidente Emmanuel Macron, il quale ha detto di accogliere “con un profondo sentimento di riconoscenza e di umiltà” il risultato del referendum. “Gli elettori si sono espressi – ha aggiunto il presidente della Repubblica – e hanno in maggioranza confermato il loro auspicio di mantenere la Nuova Caledonia in Francia. In quanto Capo dello stato, accolgo questo segnale di fiducia nella Repubblica con un profondo sentimento di riconoscenza. E ne accolgo al tempo stesso i risultati con umiltà”.

Gli elettori chiamati al voto erano oltre 180mila. La partecipazione è stata altissima anche a fronte di una mobilitazione senza precedenti che si è registrata in tutto l’arcipelago nelle scorse settimane. La Nuova Caledonia è diventata possedimento francese nel 1853. Dotata di notevoli riserve di nichel, è situata a circa 1.500 km a est della costa australiana, a sud di Vanuatu, a ovest delle Figi e a nord della Nuova Zelanda. La lingua ufficiale è il francese (affiancata da alcune lingue regionali), mentre la moneta utilizzata è il franco. Dal punto di vista amministrativo può contare su un Alto commissario, un Congresso territoriale e su un senatore e due deputati che vengono eletti al Parlamento francese.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

I medici di Trump: “Ha avuto febbre e cali di ossigeno, ma potrebbe essere dimesso lunedì”. Il video dall’ospedale: “Tornerò presto”

next
Articolo Successivo

Usa, il Covid cancella la campagna elettorale di Trump e la sua credibilità sul virus: è la crisi politica più devastante degli ultimi decenni

next