Lo scenario “tsunami” Covid-19 di febbraio e marzo scorsi “non dovremmo più riviverlo, perché la curva dei contagi è monitorata e non ci sono carenze di dispositivi. È impossibile ipotizzare una seconda ondata come la prima, ma dobbiamo entrare nell’ottica che dal 3 giugno siamo ripartiti dal via e stiamo monitorando la risalita della curva. Poi, complice una estate un po’ troppo allegra, con decisioni che non dovevano essere prese, come la riapertura delle discoteche, la curva è risalita da 1.400 casi a settimana a 1.400 al giorno, anzi ora la media è 1.700“. È quanto ha dichiarato il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, al Forum Sistema Salute, a Firenze. “Con questo ritmo di crescita lineare e non esponenziale – sottolinea Cartabellotta – potremmo arrivare a Natale a 9-10 mila ospedalizzati, con mille pazienti in terapia intensiva, una cifra gestibile. Previsioni per i mesi successivi ora non possiamo farle”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La farsa della prevenzione dentale all’italiana: è tutto privato, pure la ‘campagna del sorriso’. Intanto la salute orale dei bambini peggiora

next
Articolo Successivo

I pugni, i colpi in aria e la pistola strappata di mano: così è stato aggredito l’ex avvocato di Berlusconi. Il movente? Oscuro (per ora)

next