Come aveva fatto capire sabato, Giuseppe Conte vuole una svolta sul reddito di cittadinanza. La misura compie 18 mesi – a ottobre iniziano le previste sospensioni ai primi beneficiari, che per riottenerlo dovranno rifare domanda – e troppo tempo è stato perso, ha sottolineato il presidente del Consiglio, sul fronte dell’inserimento dei beneficiari nel mondo del lavoro. La app per l’incrocio domanda-offerta, tante volte promessa dal presidente di Anpal Mimmo Parisi, non c’è ancora, rallentata da tensioni interne all’agenzia (“non mi fanno lavorare”, ha sostenuto Parisi dopo le polemiche sui suoi ricchi rimborsi spese rinfocolate dalla direttrice generale Paola Nicastro). Ecco perché Conte, come riporta il Corriere, ha preso in mano il dossier incontrando per tre volte la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, quella dell’Innovazione Paola Pisano e lo stesso Parisi: la Pisano è stata incaricata di istituire una task force che progetti e renda operativa entro 6 mesi una struttura informatica per collegare i sistemi delle Anpal regionali e da cui dovrebbe poi nasce una app nazionale.

Finora, come mostrano i dati, il sistema messo a punto per garantire ai beneficiari del reddito alcune offerte di lavoro non ha funzionato. Su circa 3 milioni di beneficiari (dato di agosto), poco più di un terzo è soggetto all’obbligo di sottoscrivere il patto per il lavoro e circa 200mila hanno sottoscritto un contratto. Spesso di brevissima durata e trovato attraverso contatti personali e non grazie a centri per l’impiego e navigator, anche se su questo non ci sono dati precisi perché né Anpal né ministero del Lavoro li forniscono. Peraltro, fino al rinnovo che scatta dopo 18 mesi le prime due offerte si possono rifiutare. Di qui la necessità di un nuovo sistema, che probabilmente richiederà una gara. Il “decretone” del marzo 2019 all’articolo 6 recita: “Al fine di consentire l’attivazione e la gestione dei Patti per il lavoro e dei Patti per l’inclusione sociale (…) è istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali il Sistema informativo del Reddito di cittadinanza. Nell’ambito del Sistema informativo operano due apposite piattaforme digitali dedicate al Rdc, una presso l’ANPAL, per il coordinamento dei centri per l’impiego, e l’altra presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per il coordinamento dei comuni, in forma singola o associata”.

Quello dei lavori di pubblica utilità – almeno 8 ore alla settimana – presso i Comuni è un altro tasto dolente. Il ministro Luigi Di Maio (M5s) nel fine settimana s’è chiesto “perché su 8mila comuni solo in 400 hanno approvato i regolamenti” e ha ipotizzato che “ci sia una voglia di sabotare lo strumento”. E ha anche proposto di aumentare quelle ore aggiungendo che “siccome sono persone che hanno degli aiuti dallo Stato e chi paga sono imprese, commercianti, partite Iva che pagano le tasse, il primo lavoro di pubblica utilità è far lavorare queste persone per lavori di pubblica utilità per le imprese, per i commercianti, per le partite Iva. Mettiamo in comunicazione queste parti della società. Perché non sta succedendo?”.

Intanto da Italia viva arriva puntuale una nuova bordata: “Mi spiace dirlo ma eravamo stati facili profeti”, sostiene Teresa Bellanova, ministra delle Politiche agricole, in un’intervista al Corriere. “Così com’è il reddito di cittadinanza non funziona. E un intervento perché venga cambiato adesso non è più rinviabile. In un momento drammatico per l’economia, una misura di sostegno al reddito può anche avere una sua efficacia. Il problema è che il reddito di cittadinanza non raggiunge nessuno degli obiettivi per il quale, almeno a parole, era stato approvato” perché “non c’è stata la possibilità di controllare che effettivamente i percettori del reddito accettassero o meno i lavori che eventualmente gli venivano offerti. Non c’è alcun tipo di controllo”. In più “chi monitora la domanda e l’offerta di lavoro, consentendo quindi di capire di quale tipo di lavoratori hanno bisogno le imprese? Nessuno. Quindi ci troviamo nella condizione non più tollerabile, soprattutto se guardiamo al tasso di disoccupazione delle giovani generazioni, di ragazzi che cercano lavoro e di imprese che non trovano lavoratori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo smartworking ora funziona anche per i minatori ma attenti a non diventare ‘smart-sfruttati’

next
Articolo Successivo

Scatta lo stop al reddito di cittadinanza per un mese: tra ottobre e dicembre coinvolte 630mila famiglie, per il 60% nel Sud

next