Dopo le polemiche suscitate dal suo comportamento, Mauro Corona – che nei giorni scorsi in tv si è rivolto a Bianca Berlinguer zittendola e apostrofandola “gallina” – ha deciso di scusarsi pubblicamente al telefono con Daria Bignardi, nel corso del suo nuovo programma radiofonico ‘L’Intrusa‘ su Radio Capital: “Mi sono accorto la notte stessa di aver esagerato, di essermi espresso da maleducato, cafone e rozzo… però chiamarla subito poteva sembrare una cosa di comodo per cui ho lasciato un po’ sedimentare. È stato un istinto, non trovo scuse, non era il caso di reagire in quel modo, soprattutto in televisione. Chiedo scusa alle persone che hanno sentito e soprattutto a Bianca Berlinguer non perché ho paura di ritorsioni, ma perché la mia coscienza mi ha detto: sei un cretino e un maleducato”.

Lo scrittore continua: “Non è stata una reazione sessista, io ho tre figlie… in tutti i miei libri la donna ne esce con dignità e onore, figuriamoci se nelle mie intenzioni volevo offendere le donne. Comunque se si sono sentite offese chiedo scusa a tutte quante”. Alla richiesta sulle motivazioni di un tale comportamento da parte di Daria Bignardi – che tornerà in tv con quattro puntate speciali de ‘L’Assedio‘ sul Nove dal 21 ottobre – Corona chiosa: “Non ci sono giustificazioni ma sono abbastanza nervoso, l’hanno detto anche i miei figli, i miei amici, perché da 40 giorni non tocco una goccia d’alcol e, dopo anni e anni di bevute, ho degli scompensi… mi accorgo di essere oggi abbastanza aggressivo e intollerante“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Sono in lista”, la storia e i segreti dei club di Milano dagli anni ’70 ad oggi

next
Articolo Successivo

Ballando con Le Stelle, Samuel Peron disperato: “Dopo un tampone negativo, l’ultimo è tornato positivo”

next