“Di Battista? Lo vedo lontano. Rischio scissione? Spero che tutti facciano un passo indietro, ma se non si può stare insieme, alla fine ognuno prenderà la sua strada“. Così il senatore Emanuele Dessì parladi Alessandro Di Battista, prima di entrare alla riunione congiunta di deputati e senatori Del Movimento 5 stelle, convocata per parlare di riorganizzazione alla luce dei risultati elettorale.
Ma se Dessì appare quasi rassegnato a un futuro addio, altri parlamentari, invece, sembrano voler allontanare il pericolo di una divisione interna. “Scissione? Ogni volta se ne parla, assolutamente no”, spiega il senatore Sergio Puglia. E anche il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra è d’accordo: “Non avverrà”. A evocarla era stata Carla Ruocco: “Ho solo detto che non posso escluderla”, si limita la stessa a replicare. Quasi tutti invocano adesso quegli Stati Generali da tempo rimandati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

5G, terminato il vertice a Chigi: “Consapevoli dei potenziali rischi, serve una strategia di indipendenza tecnologica in ambito europeo”

next
Articolo Successivo

Liguria, le elezioni stravinte non placano lo scontro tra Toti e la Lega. Il Carroccio rimane dietro, governatore punta a togliergli assessori

next