“Piena consapevolezza dei potenziali rischi, con una strategia d’indipendenza tecnologica in ambito europeo “. È quanto emerso dopo il vertice a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i capidelegazione del governo. Tema al centro dell’incontro, durato due ore, è stato il 5G, a pochi giorni dalla visita in Italia del segretario di Stato americano, Mike Pompeo, con il quale sarà discusso anche il ruolo di Huawei, su cui in maggioranza si registrano diverse sensibilità, ma anche per portare avanti la discussione sul progetto della rete unica.

Fonti di Chigi fanno sapere che al meeting, a cui hanno preso parte i capi delegazione di maggioranza Dario Franceschini, Alfonso Bonafede, Roberto Speranza, Teresa Bellanova, i ministri Roberto Gualtieri, Luigi Di Maio, Enzo Amendola, Stefano Patuanelli, Lorenzo Guerini e il sottosegretario Riccardo Fraccaro, è stata “condivisa la piena consapevolezza dei potenziali rischi connessi alle nuove tecnologie e della necessità di adottare sempre nuove iniziative che rafforzino il livello di protezione, avendo come primario criterio di riferimento la tutela della sicurezza nazionale“.

In particolar modo, è stata analizzata la situazione della legislazione italiana in materia, con particolare riguardo all’attuazione delle varie previsioni legislative mirate a rafforzare il sistema di difesa e sicurezza nazionale rispetto ai servizi di comunicazione 5G: “Il confronto – continuano le fonti – ha condotto a una condivisa valutazione positiva dell’assetto normativo di cui l’Italia si è dotata negli ultimi tempi, che appare ben strutturato, orientato alla definizione e prescrizione di standard di sicurezza molto elevati, e idoneo a garantire un adeguato livello di protezione delle infrastrutture e delle reti di comunicazione di rilevanza strategica”.

E aggiungono che “appare assolutamente prioritario perseguire una strategia di indipendenza tecnologica nell’ambito dell’Unione europea, con pieno impegno del Governo italiano a operare per assicurare il più pieno coordinamento delle varie iniziative europee adottate sia a livello legislativo sia a livello di realizzazione delle infrastrutture tecnologiche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il referendum ha parlato chiaro: ci vuole una profonda riforma della politica

next
Articolo Successivo

M5s, assemblea degli eletti. Morra: “Nessuno lasci la barca, responsabilità sono collettive”. Dessì e D’Uva: “Ora dirigenza sia collegiale”

next