Jerry è tornato dal suo papà”. Con queste parole accompagnate da una loro foto, finalmente di nuovo insieme e sorridenti, Enzo Salvi ha annunciato ai followers su Instagram il ritorno a casa del suo amato pappagallo. Dopo ore di ansia e apprensione in cui aveva temuto il peggio, l’attore comico aveva lanciato un appello per ritrovare Jerry, uno dei meravigliosi volatili che accudisce come dei figli, e così, tra le tante segnalazioni, è arrivata anche quella giusta.

“Amici, avevo Jerry sulla spalla ma si è staccata la pettorina ed è volato via. È stato avvistato su un terrazzo da dove, però, è volato via di nuovo. La zona è quella di Ostia Lido tra Viale Stiepovich e Via delle Azzorre”, aveva detto Salvi. “Se lo avvistate, vi supplico, comunicatelo”. E così è stato e Jerry è potuto tornare a casa.

Nelle scorse settimane l’altro pappagallo di Salvi, Fly, era stato protagonista di un’altra disavventura: era stato preso a sassate a Ostia Antica durante uno dei voli “controllati” che fa quotidianamente con Salvi, che era stato aggredito anche lui dal malvivente poi individuato dalle forze dell’ordine. All’animale era stata diagnosticata una “frattura cranica con edema delle strutture soprastanti”. L’attore aveva raccontato di essere stato accanto a Fly durante tutto il periodo di convalescenza: “Ho dormito affianco a lui e quando l’ho visto sul posatoio è stata una forte emozione, non credevo ai miei occhi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sabrina Salerno, una squadra di calcio ora porta il suo nome: “Siamo tutti degli anni Ottanta, meritava un tributo sentito e sincero”

next
Articolo Successivo

Barbados non vogliono più la regina Elisabetta come Capo di Stato: “Nel novembre del 2021 saremo una repubblica”

next