Giovanni Storti, Francesco Buttironi e Martina De Santis sono i protagonisti de Gli atomici fotonici, il corto realizzato quest’anno da Mini Filmlab, progetto dedicato a giovani filmmaker che vanta la prestigiosa Supervisione Artistica del regista Silvio Soldini, sviluppato da Mini e OffiCine.

Gli Atomici Fotonici è il cortometraggio realizzato per questa terza edizione: è la storia dolce e ironica di Giacomo (Giovanni Storti), un padre con ancora viva la voglia di mettersi alla prova senza timori, e di suo figlio Riccardo (Francesco Buttironi) timido e impacciato, in una Milano frenetica e iperconnessa. Riccardo è segretamente attratto dall’affascinante Laura (Martina de Santis) ma incapace di fare il primo passo. Le apparenti “stramberie” del padre saranno per Riccardo la spinta efficace per iniziare a prendere in mano, finalmente, la sua vita.

Diretto da Davide Morando, il corto vede la partecipazione di Giovanni Storti, componente del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, attore, sceneggiatore e scrittore, nel ruolo di un papà allegro e scanzonato con la passione per la musica; c’è poi Francesco Buttironi, che vanta la partecipazione in TV in Don Matteo e sul grande schermo in Compromessi Sposi, qui nel ruolo di Riccardo, venticinquenne ancora in bilico tra insicurezze, timori e voglia di rischiare. A interpretare Laura, amore segreto di Riccardo, è Martina De Santis, da anni nel cast degli sketch virali de Il Milanese Imbruttito e de Il Terzo Segreto di Satira e coprotagonista in Si Muore Tutti Democristiani, primo lungometraggio del collettivo milanese.

Gli Atomici sarà proiettato il prossimo 16 settembre nel corso di una serata speciale all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano e sarà visibile sul minisito ufficiale Mini Filmlab.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia 77, da Notturno a Le sorelle Macaluso: i sei film italiani non premiati ma con tanto da dire

next
Articolo Successivo

Undine, un amore totalizzante e la tragedia che incombe sinistra: questo film è il titolo perfetto per tornare al cinema

next