Apple ha scelto la strada della continuità con il nuovo smartwatch Watch Serie 6 presentato poche ore fa, almeno per quanto riguarda l’estetica. Nel design infatti non si registrano differenze significative rispetto alla generazione precedente. L’azienda di Cupertino ha però lavorato soprattutto “sotto il cofano”, al fine di introdurre tante altre funzionalità lato software. È un po’ l’approccio che ha da sempre caratterizzato lo smartwatch del gigante californiano e che ne ha decretato il successo, grazie alla sua perfetta integrazione con l’ecosistema della Mela morsicata.

Il focus quest’anno è tutto sulla salute. Apple Watch Series 6 è infatti basato sul sistema operativo watchOS 7 e porta con sé tutte le funzionalità software annunciate dall’azienda nel corso della WWDC 2020: applicazione per ricordarsi di lavare le mani con la giusta frequenza e modalità corretta, misurazione dell’ossigeno nel sangue, misurazione VO2Max (che esprime la capacità aerobica) e sleep app per un profondo monitoraggio della qualità del sonno.

Considerando l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, Apple ha riposto particolare enfasi sulla funzione che permette di misurare l’ossigeno nel sangue: come sappiamo infatti il Covid colpisce soprattutto il sistema polmonare e accorgersi precocemente di una minore capacità respiratoria e quindi di ossigenazione del sangue può essere un buon campanello di allarme per ulteriori verifiche.

Attraverso quattro fotodiodi posizionati sulla scocca a contatto con la pelle, un algoritmo stima il livello di ossigeno (tra il 70 e il 100%) quando si è fermi o si dorme. Tutto viene poi riportato all’interno dell’app Salute, vero e proprio hub di controllo per questo tipo di ambiti.

Sotto la scocca c’è il SiP S6 (20% più veloce della generazione precedente a parità di autonomia), il chip U1, le antenne Ultra Wideband e l’altimetro always-on di nuova generazione. Molto interessante il nuovo cinturino Solo Loop, caratterizzato da un design senza fori e interruzioni, che strizza un po’ l’occhio a quella tendenza “minimal” tanto in voga oggi. Non mancano novità anche per la versione serigrafata Nike, ormai una costante nel catalogo Apple. Invariati invece il display e le dimensioni. Il prezzo parte da 439 euro (esattamente come la scorsa generazione) con disponibilità immediata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immuni, tra bug e vulnerabilità l’app anti-Covid sembra più un morto che cammina

next
Articolo Successivo

Nuovi Apple iPad 8 e iPad Air 4, tablet di fascia media con funzioni da top gamma

next