Si sono presentati in centinaia, a Caivano, nella chiesa di San Paolo Apostolo, per dare l’ultimo saluto a Maria Paola Gaglione, la giovane morta in seguito a un incidente stradale. L’incidente, nel quale è rimasto ferito anche Ciro, il compagno di Paola, secondo i magistrati è stato causato dal fratello di Paola, al momento in carcere, che ha speronato lo scooter sul quale viaggiavano i due fidanzati. Due lunghi applausi e un volo di colombe hanno salutato l’uscita della bara. Dal sagrato della chiesa sono stati fatti volare anche dei palloncini bianchi a forma di cuore. A meno di due ore dall’inizio dei funerali è spuntato all’esterno della chiesa del parco un manifesto inviato da Ciro. Ci sono quattro foto dei due giovani insieme, un cuore con i loro nomi e un lungo messaggio d’addio. “Correvamo solo verso la nostra libertà, o almeno credevamo di farlo, verso la nostra piccola grande felicità. Ovunque sarai, il mio cuore sarà lì con te. Ti amerò oltre le nuvole. Ciro”.

“Paola, perdonaci. Tutti noi, sacerdoti e laici, per non essere stati capaci di custodire questa tua fragile e preziosissima vita”. Così don Maurizio Patriciello ha concluso la sua omelia. Il sacerdote è rimasto sul piano teologico, sui temi della morte e della Resurrezione, senza fare riferimenti specifici ai fatti di cronaca, ma ricordando di aver battezzato Paola il 15 giugno 2003. “Qui siamo in chiesa, il luogo dove l’odio tace. Non c’è posto per l’odio in chiesa”, ha detto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 1.229 nuovi casi in 24 ore, tamponi quasi raddoppiati. Nove le vittime. Quattro persone in più in Rianimazione

next
Articolo Successivo

Militari, ancora fondi per ‘Strade sicure’. Ma a me l’esercito nelle piazze non rassicura affatto

next