Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è positivo al Covid-19. Lo comunica la società in una nota, spiegando che l’imprenditore è risultato positivo “in seguito al tampone effettuato ieri”. Mercoledì il produttore cinematografico era a Milano, all’hotel Hilton, per l’assemblea di Lega Serie A: una successione di eventi che ha già scatenato le polemiche.

De Laurentiis infatti, stando a quanto ricostruito finora, si è presentato alla riunione già con alcuni sintomi, che avrebbe attribuito a un’indigestione di ostriche. E all’ingresso e all’uscita dall’assemblea si è intrattenuto con i cronisti, senza indossare la mascherina. Con ogni probabilità ora tutti i presidenti e dirigenti degli altri 19 club dovranno sottoporsi alla profilassi obbligatoria ed eventualmente entrare in quarantena.

La comunicazione agli altri proprietari è stata data solo mercoledì sera. Secondo il quotidiano La Repubblica aveva già sintomi ed era in attesa dei risultati del tampone arrivati in serata, ma nonostante questo si è presentato comunque alla riunione di Milano. Avrebbe giustificato il suo malessere con un’indigestione da ostriche. Solo alle 20 ha informato gli altri partecipanti della sua positività.

Dalla Lega fanno sapere che in Assemblea durante i lavori non era obbligatorio indossare la mascherina perché “sono stati rispettati tutti i protocolli anti-covid e il distanziamento sociale”, con i protagonisti seduti ad un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro. La Lega ha segnalato alle autorità la positività e si procederà ora a valutare chi è entrato in contatto stretto con il presidente De Laurentiis, per un eventuale tampone.

Negli scorsi mesi il presidente del Napoli ha combattuto una brutta polmonite, motivo per cui – nonostante la sintomatologia blanda manifestata finora – si sta valutando un ricovero per ulteriori approfondimenti all’ospedale Gemelli. Al momento, l’imprenditore cinematografico, 71 anni, si trova a Capri, suo quartier generale. Anche la moglie Jacqueline, da quanto si apprende, è risultata positiva al test.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Svolta in Serie A: ok alla media company per i diritti tv. Tra il bisogno di una rivoluzione epocale e la tentazione per le casse dei club

next
Articolo Successivo

Cristiano Ronaldo supera le 100 reti con il Portogallo, ma davanti a lui c’è Ali Daei: chi è l’iraniano dei record a cui punta CR7

next