Ha raccontato di averla uccisa colpendola alla gola con un coltello da cucina. Poi ha avvolto il corpo in una coperta e l’ha gettato in un pozzo. Il cadavere di Luana Rainone, 31 anni di San Valentino Torio (Salerno), è stata ritrovata all’alba di venerdì 4 settembre nelle campagne di Poggiomarino (Napoli). A confessare l’omicidio è stato un 34enne del posto, Nicola Del Sorbo, che ha indicato agli agenti dove si trovava il corpo di Luana.

La donna, sposata e madre di una figlia piccola, era scomparsa da oltre un mese. Era uscita di casa intorno alle 14 del 23 luglio per delle commissioni, ma non vi aveva più fatto ritorno. Già dopo poche ore il suo telefonino era irraggiungibile. Il marito aveva denunciato la sua scomparsa, lanciando appelli sui social rivolti alla moglie. I familiari erano convinti che la donna fosse viva, e che il suo si trattasse di un allontanamento volontario.

Le indagini dei carabinieri di Nocera Inferiore si erano da tempo indirizzate su Del Sorbo, che in passato aveva avuto problemi di tossicodipendenza e con la giustizia. L’uomo, divorziato, al momento viveva con un’altra donna. Giovedì sera è stato fermato dai carabinieri e durante l’interrogatorio, durato tutta la notte, ha confessato di aver ucciso Luana Rainone.

Secondo la sua versione, la donna voleva che lui lasciasse l’attuale compagna per intraprendere con lei una relazione stabile. Il 23 luglio si erano incontrati in una casa diroccata, nelle campagne di Poggiomarino. Al culmine di un diverbio, Del Sorbo ha raccontato di averla uccisa colpendola più volte al collo con un coltello. Poi ha gettato il corpo in una vasca per la raccolta delle acque, non lontano dalla baracca.

Il corpo è stato riconosciuto grazie a un tatuaggio sulla spalla, identico a quello che aveva la 31enne. Secondo i primi accertamenti medici, sul cadavere sono state trovate numerose ferite causate da un’arma appuntita, compatibili con quanto confessato da Del Sorbo. Il 34enne è stato trasferito nel carcere di Salerno in attesa di comparire dinanzi al gip per l’udienza di convalida. L’accusa nei suoi confronti è di omicidio volontario e di occultamento di cadavere.

Il sindaco di San Valentino Torio, Michele Strianese, ha disposto il lutto cittadino, annullando tutti gli eventi fino al giorno del funerale. La data sarà fissata dopo l’autopsia, che potrebbe chiarire ulteriori punti oscuri della vicenda. Questa sera alle 20, invece, è in programma una fiaccolata in ricordo di Luana “per riflettere sull’accaduto e condannare ogni forma di violenza sulle donne – ha affermato Strianese – Si tratta di un episodio che sconvolge i nostri cuori e le nostre menti rispetto al quale bisogna stare solo in silenzio e in meditazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neonato trovato morto in un’aiuola nel Salernitano: fermati marito e moglie

next
Articolo Successivo

Colleferro, 21enne ucciso a calci e pugni “per aver difeso un amico”. Arrestate 4 persone

next