Non torneranno a scuola tutti insieme nei container, ma a turno faranno lezione immersi nel verde di una cascina dell’hinterland milanese. Sarà un rientro in classe diverso per i 380 bambini e bambine della scuola primaria “Lazio” di Melegnano. Studieranno geometria progettando un orto, matematica preparando le dosi per una torta e scienze osservando il ciclo dell’acqua. Mentre tanti presidi cercavano spazi nei corridoi o nelle palestre, viste le misure anti-Covid – la dirigente scolastica Giordana Mercuriali ha scelto un’altra via.

Grazie al cofinanziamento del Comune, ogni giorno, a rotazione, da settembre due classi faranno lezione all’aperto negli spazi della Cascina Cappuccina. Lasceranno così i container dove da settembre dello scorso anno erano costretti a stare per problemi all’edificio scolastico: due anni fa un crollo aveva evidenziato la presenza di amianto e i lavori di bonifica non sono ancora terminati. Così, fino al lockdown, gli studenti hanno seguito le materie nelle aule prefabbricate allestite accanto alla vecchia scuola. “Quando abbiamo capito che la scuola sarebbe ripartita dovendo rispettare il distanziamento, ci siamo resi conto che nei container le classi più numerose non ci sarebbero state”, racconta la preside al Fatto.it.

L’opzione poteva essere quella di ridurre l’orario scolastico, ma, dice ancora, “la nostra esigenza era quella di garantire il tempo pieno a tutti”. A Melegnano, a pochi chilometri da Milano, la maggior parte delle famiglie fa la vita da pendolare e anche una minima riduzione avrebbe comportato delle gravi difficoltà. Così è iniziata la ricerca di spazi alternativi. “Il Comune ci ha messo a disposizione degli edifici vuoti, delle biblioteche e delle palestre, ma abbiamo pensato che spostarci dalla scuola per andare in un luogo simile alla scuola non valesse la pena e abbiamo puntato su qualcosa di diverso. Non cercavamo solo spazi, ma cercavamo occasioni per migliorare la qualità della didattica”.

Da qui l’idea di trasferire le lezioni negli spazi di Cascina Cappuccina. Sei ettari di terreno a due passi da un’oasi naturale del WWF che ospiteranno ogni giorno due classi. Raggiungeranno la cascina a piedi per frequentare lezioni sia teoriche sia pratiche in mezzo a orti, animali, alveari e serre utilizzabili in caso di maltempo senza problemi di distanziamento. “I bambini non dovranno stare incollati al banco – spiega la maestra di italiano Angela Bedoni facendo riferimento alle indicazioni del Ministero – ma potranno muoversi e interagire in sicurezza rispettando le distanze. Il banco per noi non è il posto dove ci si siede e basta, ma è un banco di lavoro”.

Le attività saranno progettate dalle insegnanti e dalle educatrici della cooperativa Praticare il Futuro che da anni lavora sul tema dell’educazione ambientale: “Proveremo a fare un’altra scuola – spiega Giuliana Piccolo, una delle fondatrici della cooperativa – useremo le api e la terra come strumento di didattica per trasmettere i valori del rispetto per la terra e per il lavoro”. Ma non solo. “Negli scorsi anni abbiamo anche coltivato insieme ai bambini un metro quadro di granella dal quale siamo riusciti a ricavare due biscotti. Questo ha aiutato i bambini a comprendere il rispetto per il lavoro”. La sfida è quella di ragionare non solo sugli spazi ma sulla qualità della didattica: “Siamo partiti da un’esigenza pratica, la mancanza di aule, per poi rispondere ad altre esigenze come quelle dell’educazione ambientale che caratterizza la nostra identità di scuola”. Le uniche difficoltà? “Abbiamo investito tutto su questo progetto, non sappiamo come comprare la carta delle fotocopie”, scherza amaramente la dirigente scolastica. “Speriamo che questa proposta di didattica all’aperto possa proseguire anche dopo la fine dell’emergenza. Non possiamo permetterci di fare dei passi indietro”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca: “Le scuole? Nelle condizioni attuali non è possibile riaprire. Non so quello che saremo in grado di fare in due settimane”

next
Articolo Successivo

“Nei bambini i casi gravi di Covid sono rari: mandarli a scuola non li espone a rischi diretti”: lo studio del British Medical Journal

next