La Notte della Taranta cambia totalmente volto e – priva del pubblico che ogni anno accorre in migliaia per ballare e cantare – si svolge a porte chiuse, valorizzando ancora di più l’ex convento degli Agostiniani di Melpignano (Lecce), avvolto in una atmosfera ancora più intima. Sul palco l’Orchestra Popolare e l’Orchestra Roma Sinfonietta, dirette dal Maestro Concertatore Paolo Buonvino. Il concerto si aprirà, dalle ore 22:50 su Rai Due, con il brano “Quannu te llai la facce la matina”e la narrazione affidata all’attore Sergio Rubini. Due le pizziche proposte: la prima scritta per il concerto 2020 da Daniele Durante, direttore artistico della Fondazione dal titolo ”TarantaÈ” e poi una sequenza tra “Pizzica di Torchiarolo” e “Pizzicarella” che vede i cantanti dell’Orchestra protagonisti.

Poi ci sarà spazio per i canti della tradizione popolare come “Lu Rusciu de lu mare”, “Tamburreddhu meu”, “Ferma zitella” e la buonanotte in griko (dialetto della lingua greca, parlato nella regione della Grecia salentina, in provincia di Lecce, ndr) “Calinitta”. Sulla facciata del Convento scorrono le immagini delle tabacchine, le contadine del Salento protagoniste della lotta al caporalato, quando Gianna Nannini intona “Fimmene Fimmene”, brano che l’artista ripropone in una nuova versione a 16 anni dalla sua prima partecipazione al Concertone. Un canto d’amore struggente per Diodato che propone “Beddhra ci dormi”. Mahmood con l’intensa “Sabri Aleel” regala un viaggio tra le sonorità del Mediterraneo senza confini. Era il canto che suo padre intonava nei tragitti in auto.

Infine alcuni dei brani di questa serata, saranno accompagnati dalle coreografie di Sharon Eyal. I danzatori si muovono sul grande palco di legno a forma di tamburello (ma i sposteranno anche tra Trani, Gallipoli, Taranto e Alberobello) riproponendo i temi già interpretati nella sfilata Dior lo scorso luglio a Lecce.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Castrocaro 2020, vincono i Watt (avranno un posto all’audizione per la categoria Giovani al Festival di Sanremo 2021)

next
Articolo Successivo

Pubblico nei programmi tv e covid: ecco i programmi che lo avranno e quelli che restano senza

next