Il “caso Chanel Totti” tiene (giustamente) banco da giorni. La figlia dell’ex capitano della Roma in copertina sul settimanale Gente con il volto blurato e il lato b in vista, e quel titolo che rimanda alla “somiglianza con la madre”. Una cover costata alla direttrice del settimanale una segnalazione al consiglio regionale dell’ordine giornalisti e che ha fatto intervenire il Garante della privacy a ricordare come i mezzi di informazione debbano tutelare i minori. Su tutti, mamma e papà, Francesco Totti e Ilary Blasi, che hanno deciso di parlare dopo alcuni giorni dalla pubblicazione della cover. Il perché lo spiega Gianluca Piacentini per Il Corriere della Sera edizione Roma: “La scelta iniziale era stata quella di non rispondere per non alimentare voci, cattiverie, calunnie. Un comportamento a cui poi ha fatto posto la consapevolezza che una copertina così non poteva passare sotto silenzio, col timore che il silenzio potesse essere considerato anche un assenso”, si legge. Insomma, i due genitori hanno deciso di parlare e lo hanno fatto pubblicando contemporaneamente una story su Instagram: “Ringrazio il direttore Monica Mosca per la sensibilità dimostrata mettendo in copertina il lato b di mia figlia minorenne senza curarsi del problema sempre più evidente della sessualizzazione e mercificazione del corpo delle adolescenti“. Nessun attacco al paparazzo ma alla direttrice del giornale, a sottolineare come quella foto è stata usata e non il fatto che sia stata scattata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandro Gassman: “Al ristorante mi hanno misurato la febbre, avevo 34, praticamente morto… Ma ‘ste macchinette sulla fronte funzionano, sì?”

next
Articolo Successivo

Katia Noventa “ricompare” e si candida alle Regionali in Veneto: “Al servizio degli altri”

next