Si sono finti runner per cogliere di sorpresa Peter Foster, ritenuto responsabile di numerose truffe e di riciclaggio. L’uomo, un 57enne sovrappeso, stava portando a spasso i suoi cani quando gli agenti lo hanno letteralmente placcato, buttandolo sulla sabbia prima di ammanettarlo a favore di telecamera sulla Four Mile Beach, in Australia. L’operazione è stata giudicata spropositata rispetto al reale pericolo di fuga dell’uomo, sarebbe bastato dichiararlo in arresto, senza buttarlo a terra, così sull’episodio è stata aperta un’inchiesta

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alla deriva sull’unicorno gonfiabile, bimba salvata da un traghetto al largo delle coste greche: il video

next
Articolo Successivo

In strada la lite furiosa tra un uomo e due automobilisti: prima lo investono, poi lui li mette in fuga

next