“È stabile” il ragazzo bergamasco di 17 anni Covid-positivo ricoverato in terapia intensiva al Policlinico di Milano, dove è stato trasferito dall’ospedale Bolognini di Seriate. Per il giovane di Albano Sant’Alessandro “ci sono dei miglioramenti, ma le condizioni sono ancora critiche” scrive l’Adnkronos Salute citando fonti sanitarie. I medici continuano lo “stretto monitoraggio” e stanno “indagando su eventuali concause” che – oltre all’infezione da coronavirus Sars Cov 22 – potrebbero avere pesato sull’aggravamento del quadro clinico. Il ragazzo aveva febbre e problemi intestinali lunedì. Le sue condizioni avevano preoccupato i genitori che lo avevano portato in ospedale a Seriate dove le sue condizioni sono precipitate. Per questo era stato deciso il trasferimento al Policlinico. Il giovane, senza apparenti patologie pregresse, aveva partecipato a una festa in piscina a Ferragosto con altri 20 ragazzi.

Tutti quanti sono stati rintracciati, grazie alla collaborazione dei genitori del ragazzo, e proprio i familiari del paziente sono andati all’ambulatorio di dell’Ats di Bergamo per sottoporsi al tampone. Erano già tutti sono in isolamento volontario. Oggi pomeriggio se ne conoscerà l’esito e chi è positivo dovrà mettersi in quarantena per due settimane. Da febbraio le persone ufficialmente contagiate in provincia di Bergamo sono state 15.204, i nuovi casi di ieri sono 27. C’è attesa anche del bollettino medico per il 17enne: “Il paziente è sotto stretto monitoraggio” si sono limitati a dire dall’ospedale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la fondazione Gimbe: “Contagi aumentati del 140% nell’ultimo mese. Tornano a crescere anche i ricoveri in ospedale”

next
Articolo Successivo

Lula: “Un errore concedere l’asilo a Cesare Battisti. Mi scuso con le famiglie delle vittime”

next