È polemica dopo uno degli ultimi spettacoli di delfini andati in scena al parco Zoomarine di Roma, avvenuto, secondo una denuncia partita dall’associazione per i diritti degli animali, Earth, “senza nessun rispetto del dpcm covid” e senza controlli. Tanto che gli animalisti hanno fatto partire una segnalazione alla polizia locale di Pomezia. “Abbiamo ricevuto molteplici segnalazioni – scrive l’associazione – circa la situazione che si è venuta a creare durante gli spettacoli, con spettatori seduti vicinissimi l’uno all’altro e senza mascherina in barba ad ogni precauzione e ai Dpcm emanati dal governo”. Per questo, si legge, è stato inviato un documento ufficiale via pec al comando, allegando foto e video.
In poco tempo i numerosi filmati, dove effettivamente si vede una folla senza mascherine, girati all’interno del parco acquatico hanno fatto il giro dei social. In molti hanno commentato invocando “multe ai presenti e alla struttura”. “Non amiamo gli spettacoli di Zoomarine che prevedono l’utilizzo di delfini e pinguini” spiega infine Valentina Coppola, presidente di EARTH “ma finchè si muovono a norma di leggi ( che vanno sicuramente cambiate) non abbiamo nulla da ridire, ora le foto ricevute ci confermano nella nostra convinzione che chi non rispetta la salute è indifferente sia a quella umana che a quella animale”. La direzione del parco, comunque, ha fatto sapere che i protocolli della sicurezza “sono stati approvati dalle autorità sanitarie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caronia, le lacrime del papà di Gioele sulla bara con i resti ritrovati nella zona delle ricerche

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Papa: “Sarebbe triste se il vaccino non fosse universale, dando priorità ai più ricchi”

next