La trasformazione definitiva della destra italiana in un pericolosissimo mostro a tre teste fatto di supponenza, coatteria e menefreghismo è tutta nell’immagine della senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè, che balla nella sua discoteca al grido di battaglia: “Ma che me frega, io non chiudo!”.

Se una volta destra significava rispetto delle regole, oggi questa destra distorta e caricaturale è diventata l’esatto contrario: qualsiasi regola è discutibile, ogni regola può finire sotto i piedi danzanti di gente che al primo posto mette un sé stesso sempre più ciclopico, sempre più mostruoso.

E se l’eroina politica di questa destra ignobile è sicuramente la Santanchè discotecaria, l’eroe sociologico non può che essere il trentenne in Mercedes gialla che ha menato un infermiere perché l’ambulanza rallentava la sua corsa verso la disco alle cinque di mattina. “State rovinando le mie vacanze!”. E non fa niente se magari qualcuno rischia di morire, non fa niente se qualcuno sta soffrendo non fa niente niente… se la pandemia può ripartire, se le terapie intensive di riempiranno di nuovo… È l’attuazione edonistica del menefrego di fascistissima memoria ridotto a superficialità pura, a crassa risata di fronte ai problemi del mondo, della comunità, degli altri.

Un giusto e sano individualismo è stato trasformato in perverso egocentrismo senza storia, senza futuro: solo un eterno e vuoto presente fatto di nulla, fatto di infiniti balli senza un perché, senza un destino.

La patria di questa pessima destra è il paese dei balocchi di collodiana memoria: dall’elogio del dovere e della responsabilità, la destra italiana è passata ad applaudire qualsiasi irresponsabile libertà. L’ignoranza prima della cultura, la vacanza prima del lavoro, la propaganda prima della politica, l’individuo prima della comunità: ogni scala valoriale è stata così tragicamente ribaltata.

E così il sacro valore della libertà di parola è stato derubricato a libertà di ballo. Tutto il resto non conta, tutto il resto è troppo serio per questa destra che barcolla alticcia tra il Papeete e un menefrego.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Toninelli: “Il Movimento voterà sì” e lancia la campagna per il taglio dei parlamentari

next
Articolo Successivo

Viminale, s’insedia il nuovo capo di gabinetto: è Bruno Frattasi. All’Agenzia per i beni confiscati va Bruno Corda

next