Lutto per Patty Pravo: è morto a 72 anni il musicista Gordon Faggetter, suo primo marito. Ex batterista inglese del gruppo Cyan Three, era nato nel 1948 a Surrey nel Regno Unito, si era poi trasferito a Brighton con la famiglia dove è rimasto fino al 1965 quando con due amici iniziò a suonare la batteria e creò il gruppo dei Cyan Three, i ‘ragazzi dagli occhi azzurri’. A dare l’annuncio della sua scomparsa, sui suoi profili social, è l’etichetta discografica RCA.

I Cyan Three arrivarono in Italia nel 1967, selezionati e scritturati dal mitico Alberigo Crocetta, per accompagnare al Piper Club, le esibizioni di Patty Pravo: fu così che i due si conobbero e poi si sposarono. Successivamente il gruppo suonò anche con Mia Martini. Nonostante il successo ottenuto come musicista, il vero amore di Gordon Faggetter era la pittura e continuò sempre a dipingere sia ad olio che ad acquarello. Diede così vita ad alcune delle più belle cover di 33 giri per alcuni artisti del periodo quali appunto Patty Pravo e De Gregori il cui 33 giri “Camel” è universalmente conosciuto come “La Pecora” riferendosi appunto al disegno di copertina eseguito da Gordon.

Una serie di prestigiose mostre collettive e personali tenute nei primi anni ’70 lo consacrano come uno dei più sensibili pittori contemporanei. Nel 1973 Gordon si stabilì definitivamente a Roma, dove si è spento all’età di 72 anni, decidendo di abbandonare la musica e di dedicandosi a tempo pieno alla pittura.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sgomberato il rave-party da 10mila persone in Francia: “Condizioni sanitarie precarie”

next
Articolo Successivo

Gigi D’Agostino cancella la serata di Ferragosto: “Troppi rischi di contagio, il problema Covid si sta aggravando”

next