Niente nuovi dazi sui prodotti agroalimentari made in Italy. Gli Stati Uniti hanno infatti deciso di mantenere invariate le tariffe sui prodotti dell’Unione europea nell’ambito del contenzioso con Airbus sugli aiuti di Stato. Sventato, dunque, il rischio che gli aumenti tariffari fossero estesi anche a vino, olio e pasta. Secondo Coldiretti avrebbero colpito 3 miliardi di euro di cibo italiano, “pari a due terzi del totale, in un momento reso già difficile dall’impatto della pandemia sul commercio globale. Tra l’altro gli Stati Uniti sono il primo mercato extraeuropeo per i prodotti agroalimentari tricolori per un valore che nel 2019 è risultato pari a 4,7 miliardi, con un ulteriore aumento del 4,8% nei primi sei mesi del 2020, anche se a giugno le difficoltà causate dal coronavirus hanno fatto segnare una inversione di tendenza (-0,9%)”. I vini, da soli, incidono sul totale per 1,5 miliardi.

Restano in vigore comunque le tariffe aggiuntive del 25% entrate in vigore lo scorso 18 ottobre 2019 che hanno già colpito specialità italiane come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi, agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello. Per la terza volta invece il Pecorino Romano Dop si è salvato dalla tagliola.

“Si tratta di una decisione che premia gli sforzi del Governo ed in particolare della Farnesina e della nostra Ambasciata a Washington, nel mantenere un costante canale di dialogo con le autorità americane responsabili della politica commerciale”, ha commentato il sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto. La United States Trade Representative (ufficio del rappresentante commerciale degli Usa) ha confermato sia la quantità di prodotti soggetti alle tariffe a 7,5 miliardi di dollari, sia le aliquote al 15% per gli aeromobili e al 25% per tutti gli altri prodotti. Sono stati invece rimossi dall’elenco alcuni prodotti della Grecia e del Regno Unito e sono entrati al loro posto alcuni della Francia e della Germania.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

S&P: traffico aereo ridotto di due terzi nel 2020. Il ritorno alla normalità solo tra 4 anni

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, Arcelor Mittal non paga neanche la seconda rata dell’affitto dello stabilimento. Produzione ai minimi, fornitori infuriati

next