Airbus ha concordato con i governi di Francia e Spagna di apportare delle modifiche ai contratti Repayable Launch Investment (Rli) dell’A350, un particolare tipo di sostegno finanziario per aiutare lo sviluppo di nuovi modelli di aerei. Sussidi che sono stati ritenuti sussidi illegittimi dal WTO, l’Organizzazione mondiale del commercio. Il contenzioso dura da 16 anni e questo dovrebbe essere il passaggio finale per porre fine a una controversia e ottenere la rimozione dei dazi statunitensi. Una tattica commerciale ritorsiva di cui hanno fatto le spese anche prodotti come vini francesi e macchinari tedeschi.L’anno scorso gli Stati Uniti avevano ottenuto il diritto ad imporre dazi aggiuntivi su 7 miliardi di euro di prodotti europei . I dazi imposti da Washington stanno danneggiando tutti i settori industriali interessati, inclusi i vettori statunitensi, e sono in aggiunta ad uno scenario molto difficile conseguente alla crisi dovuta al Covid-19, ha spiegato Airbus annunciando la sua decisione. “Abbiamo pienamente rispettato tutti i requisiti dell’Omc. Questi ulteriori emendamenti agli Rli dell’A350 dimostrano che Airbus non ha lasciato nulla di intentato per trovare una soluzione”, ha dichiarato Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus.

Lo scorso anno Airbus ha sorpassato Boeing nel numero aeromobili venduti (863) e negli ordini diventando il leader globale del settore. Il produttore statunitense è alle prese con le conseguenze dei problemi al suo 737 max. Airbus è partecipata dai governi francese (11%), tedesco (10,9%) e spagnolo (4,1%)

LA POSIZIONE DI BRUXELLS Soddisfazione a Bruxelles, dove l’Unione europea ribadisce di essere “fortemente impegnata nella risoluzione negoziata” di questa disputa che è “la più lunga nella storia del Wto” valutando “che sia nell’interesse reciproco dell’UE e degli Stati Uniti interrompere i dazi che gravano inutilmente sulle nostre industrie e sui settori agricoli”. Il commissario europeo al commercio Phil Hogan ha ammonito come “in assenza di una soluzione, l’UE è pronta a avvalersi pienamente dei propri poteri sanzionatori” visto che il Wto “emetterà in tempi brevi la sua decisione arbitrale nel caso parallelo su determinati sussidi illegali alla Boeing”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audiweb 2.0, Nielsen si ritira dopo la rottura con Facebook. Muraglia: “Dobbiamo seguire l’evoluzione tecnologica”

next
Articolo Successivo

Basilicata, attivista dell’associazione Coscioni in sciopero della fame per i diritti dei disabili: “La politica difende inconfessabili interessi”

next