“Altre foto della vacanza. Un sacco di buoni amici ci ha fatto visita sullo yacht. Garantisco che nel mio bicchiere c’è solo acqua nera”. Il testo era quello di un post su Instagram pubblicato da Jerry Falwell, grande sostenitore di Donald Trump, nonché presidente della Liberty University in Virginia, uno dei più grandi college evangelici del mondo. Ma il post è stato cancellato: era accompagnato da un’immagine che ritraeva proprio Falwell reggere in una mano un bicchiere con un liquido scuro, mentre con l’altra abbracciava una ragazza (che non è la moglie) in top e pantaloncini aperti. Lui a fianco era con la cerniera abbassata dei pantaloni. Una foto che ha creato grande imbarazzo nella Liberty University, dalla quale è stato costretto a prendersi un congedo a tempo indeterminato.

Falwell ha ammesso che lo scatto era “strano” ma si è difeso affermando che era “tutto per divertirsi”. L’università però non ha gradito e ha comunicato che la commissione esecutiva del board ha richiesto al presidente di prendersi un periodo indeterminato di congedo” immediato. Il caso ha suscitato sdegno e accuse di ipocrisia, sia a destra che a sinistra, verso Falwell, che è stato tra i primi sostenitori evangelici di Trump, segmento elettorale decisivo per l’elezione del tycoon. Il college ha severe regole di condotta su come gli studenti si devono comportare all’università, tra cui il divieto di sesso preconiugale e di leggere dentro e fuori il campus media “che sono offensivi verso gli standard e le tradizioni della Liberty University”. Anche l’abbigliamento e le acconciature devono evitare “estremismi” e gli studenti devono vestirsi sempre modestamente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, guerriglia urbana contro il governo nel “sabato della rabbia”: centinaia di feriti, morto un agente. Sgomberato il ministero degli Esteri dopo l’assalto

next
Articolo Successivo

Beirut, dopo l’esplosione al porto si accende la protesta. Decine di migliaia di persone manifestano contro il governo

next