Nuova stretta sulla movida a Cervia e nella frazione Milano Marittima. Tutti i giorni, dalle 21 alle 6, è vietato il consumo e la detenzione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, a piedi, in bicicletta, sui mezzi pubblici e privati. È quanto stabilisce la nuova ordinanza del sindaco Massimo Medri, precisando che il divieto vale anche se gli alcolici sono trasportati in borse o altri contenitori, se sono suscettibili di essere destinati al consumo. Esclusi solo coloro che li trasportano per motivi professionali.

È consentito quindi bere alcolici solo all’interno dei locali e delle loro aree esterne di pertinenza opportunamente attrezzate e ben individuate. Dunque, gli esercizi commerciali e i locali dovranno sospendere la vendita da asporto alle 21, la vendita per consumo non assistito sul posto alle 24 e la somministrazione alle 3. Sempre dalle 21 alle 6, scaffalature, banchi frigo ed espositori contenenti alcolici dovranno essere opportunamente bandellati per impedirne l’accesso agli avventori. “Divertitevi con rispetto e buon senso, per la vostra sicurezza e quella degli altri!”, è l’appello del Comune.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Caos treni Alta velocità, è partita la gara tra amministratori per avere più soldi. Ma i trasporti restano inefficienti

next