Now that’s a Mo**** Fuc** burger!“. Così recita lo slogan scelto da un’azienda che produce cibo vegetariano e vegano. Accade in Gran Bretagna, dove enormi cartelloni con questo ‘pay off’ appaiono ovunque. E lo slogan è ben visibile anche sui social media, in TV e ovviamente sulle confezioni. L’immagine è quella di un’anziana signora che osserva molto compiaciuta il suo burger vegetariano. Secondo il Guardian, è aumentato il numero dei britannici che durante il lockdown ha scelto di comprare cibo vegetariano. Ora l’azienda di Leeds vuole enfatizzare la forza della propria offerta completamente priva di carne. “Quando abbiamo visto che la tendenza ad evitare di mangiare la carne è aumentata, abbiamo pensato che ci volesse una campagna forte, divertente e facile da ricordare“, ha detto Micheal Hunter della Meatless Farm. Ora ci si chiede se la campagna, che avrà una diffusione massiccia in tutto il territorio, potrà provocare tensioni con gli allevatori già profondamente in crisi causa pandemia covid-19 dopo la chiusura di moltissimi pub e ristoranti che è stata un duro colpo per tutta la filiera. “C’è una grande differenza tra la carne prodotta in modo etico e quella che proviene dagli allevamenti intensivi. L’obiettivo non deve essere eliminare la carne ma convincere i consumatori a mangiarne meno e di qualità”, ha detto sempre al Guardian Helen Browing della Soil Association. Intanto l’Advertising Standards Authority (ASA) sta aprendo una procedura per valutare il decoro della pubblicità scelta dall’azienda di Leeds.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La disavventura di Elisabetta Canalis ad Alghero. Lo sfogo su Instagram: “E’ la seconda volta che capita…”

next
Articolo Successivo

Renzo Piano: “Il nuovo ponte di Genova? Fatto di acciaio e forgiato dal vento, come nella poesia di Giorgio Caproni”

next